Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

NOI LA CRISI NON LA PAGHIAMO!!!

Appena tornato dal più grande sciopero generale della scuola che l'Italia abbia mai visto in tutta la sua storia. Ero li con i compagni universitari, con EmaeTizi, con LouMogghe ed insieme a noi un milione di persone. Abbiamo assistito a qualcosa di praticamente impensabile: 1 milione di persone (studenti delle medie e delle superiori, universitari, insegnanti, gente comune) tutte unite per dire NO alla riforma Gelmini e alla legge 133 che taglia i fondi all'università pubblica e al mondo della ricerca (per ulteriori informazioni consiglio di cliccare sui link). Abbiamo partecipato al corteo degli studenti universitari che dalla stazione Termini è passato per via Cavour ed è arrivato a Largo Argentina per poi dirigersi unito e compatto davanti al Ministero dell'Istruzione. Ero li, in prima fila, davanti ai "cellerini", ad urlare il mio sdegno contro questo governo fascista e razzista, contro questa vergognosa riforma della scuola e dell'università e per gridare a favore di un'università pubblica e per la realizzazione di un prossimo sciopero generale che veda coinvolto tutto il mondo dei lavoratori. Siamo tanti, ogni giorno di più e facciamo sempre più paura. Rivedere le immagini del corteo mi emoziona e sono sicuro che non lasciano indifferenti nemmeno i paladini delle (sue) libertà. Abbiamo manifestato anche per i loro figli, per il futuro di tutti gli studenti italiani, senza distinzione. E le centinaia di manifestazioni portate avanti in ogni grande città hanno dimostrato che il paese è stanco di subire le prevaricazioni del peggior governo che l'Italia abbia mai avuto. Siamo stanchi, siamo arrabbiati, siamo pronti: come dice Epifani "un intero paese insorge". E noi siamo qui, schierati in prima fila, a resistere contro questo governo ed i suoi componenti. Ci avete contato oggi? Vi serviranno i tornelli anche nelle piazze; e sappiate che è solo l'inizio.    NOI LA CRISI NON LA PAGHIAMO!!!

Pubblicato il 30/10/2008 alle 20.0 nella rubrica Politica Interna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web