Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

IL MAGO BERLUSCONI ED IL POPOLO DEI "CREDULONI"



Il leader del Popolo dei "creduloni" era stato chiaro ed onesto come non mai: "nel governo del Popolo della libertà ci saranno 12 ministri, e 4 di questi saranno donne".
Punto e basta. Lo riportava in prima pagina e a caratteri cubitali anche "IlGiornale", quotidiano diretto dal fedelissimo Mario Giordano e di proprietà di Silvio Berlusconi. Silvio Berlusconi sembrava accogliere a braccia aperte la proposta del governo Prodi di tagliare il numero dei ministri (al massimo 12, con la compagine governativa tra ministri, viceministri e sottosegretari che non avrebbe potuto superare il tetto di 60 componenti). Anche in campagna elettorale, Silvio Berlusconi giurava, come sempre, sulla vita dei suoi figli, che non avrebbe nominato più di 12 ministri; ed invece, purtroppo per i miei creduloni, era la solita "berlusconata". Silvio Berlusconi, infatti, si appresta a nominare ben più di 12 ministri, senza contare che si parla di un "ministero per la semplicificazione legislativa", creato ad hoc, anche se non se ne conosce l'utilità, per quella "splendida mente" di Roberto Calderoli.  Eppure, i creduloni delle libertà, domani mi verranno a dire che Berlusconi avrà fatto soltanto 12 nomi, rispettando cosi la suddetta "legge Bassanini" (quella dei 12 ministri). Gli farò capire, spero, che il presidente del Consiglio in pectore supererà solo "con un altro decreto legge", in cantiere per il primo consiglio dei ministri, il limite posto dalla Bassanini. Scrive Pasquale Laurito nella sua Velina Rossa: "Berlusconi non può nominare più di 12 ministri, perchè incollato dalla legge Bassanini" quindi per ora il leader del Pdl "dovrà nominare i 12 ministri previsti dalla legge e poi dovrebbe al primo cdm varare un decreto che supera la Bassanini e dopo dare le nuove poltrone ai ministri senza portafoglio, tra cui lo stesso Bossi". Chiaro il progetto di Mago Berlusconi? Prima nominerebbe i 12 ministri, come prevede la Bassanini e poi, dal nulla, come un mago, moltiplicherebbe i ministeri tramite un decreto legge da approvarsi al più presto. Ed i creduloni delle Libertà saranno come sempre ai loro posti, pronti ad applaudire. Anche quando vengono presi per il culo.

Pubblicato il 7/5/2008 alle 17.0 nella rubrica Politica Interna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web