Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

TORNEREMO SULLE MONTAGNE INTORNO AL MONUMENTO CHE SI CHIAMA ORA E SEMPRE RESISTENZA



Mentre l'Italia democratica e partigiana perde
uno dei suoi pezzi più valorosi, dalla destra populista e razzista arriva un'altra dichiarazione decisamente imbarazzante e vergognosa: Umberto Bossi, alleato fidato di Berlusconi, ha lanciato oggi un ultimatum sulla crisi di governo minacciando di fare una rivoluzione se non si andrà al voto anticipato. "Al Senato (il governo) non ce la fa, poi si va al voto oppure facciamo la rivoluzione. Facciamo la lotta di liberazione. (Per farla) ci mancano un po' di armi, ma le troviamo", ha tuonato Bossi parlando con i giornalisti a Milano. Ma è possibile che nessuno risponda a dovere a questo personaggio delle favole? Un parlamentare italiano, di uno stato democratico, si permette di parlare di "rivoluzione armata" e di "armi" e nessuno dice niente. Non mi aspetto critiche da parte della destra di Fini, ormai totalmente asservito al potere berlusconiano, o dal camerata Storace. Loro parlano d'Italia e di italianità solo quando c'è da fare uno spot in radio o in televisione o quando c'è da mettersi una spilletta tricolore sulla giacca. Ma pure il democristiano Casini, come può accettare queste vergognose dichiarazioni? Uno degli esponenti più importanti del centro-destra italiano (o padano?!) chiama alla rivolta armata e per i cittadini italiani è tutto normale: voterebbero una coalizione in cui c'è un signore che parla di rivoluzione armata e di armi che si troveranno. Ma come possiamo accettare, noi cittadini democratici e partigiani, delle corbellerie cosi gravi? Per fare un'Italia unita, democratica e libera, si sono sacrificati migliaia di eroici italiani, i giusti della nostra Patria. Speravano in un'Italia pacificata e non si sarebbero mai sognati che un Bossi qualunque potesse agitare gli spettri di una guerra civile. Ma questa volta, se nessuno gli risponde a dovere, ci penso io: caro Bossi, provi a far scoppiare una guerra civile in Italia e le assicuro che migliaia di cittadini italiani la aspetteranno, a lei ed ai suoi cinque leghisti, sulle montagne, come i partigiani fecero tanti anni fa con i nazifascisti, "intorno al monumento che si chiama ORA E SEMPRE RESISTENZA".

Pubblicato il 23/1/2008 alle 22.13 nella rubrica Politica Estera.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web