Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

QUANDO BERLUSCONI PERDEVA TUTTE LE ELEZIONI (DALLE COMUNALI ALLE EUROPEE SINO ALLE REGIONALI) E MAI SI DIMETTEVA.



E' incredibile l'incoerenza politica di Silvio Berlusconi: è stato il premier meno riconfermato dalle successive elezioni, ed ora, ha il coraggio di affermare che se l'Unione perde le prossime elezioni amministrative (vi ricordo che non si rinnovano città importanti come Roma, Milano, Napoli, Firenze o Bologna) si deve tornare al voto.

Eppure vorrei ricordare al signor Silvio Berlusconi le pesanti sconfitte subite nel quinquennio di governo 2001-2006:

1) Elezioni amministrative 2003: l'Unione strappa alla destra città importanti come Pescara, Ragusa ed Udine e conferma Pisa, Massa e La Spezia.
 
2) Elezioni europee 2004: le forze di centro-sinistra arrivano al 46.1% superando la coalizione del centro-destra, ferma al 45,4%.

3) Elezioni regionali 2005: forse il più importante banco di prova per Berlusconi ma perde miseramente. Il centro-sinistra  vince in 12 regioni, Berlusconi in sole 2 regioni (Veneto e Lombardia)

4) Elezioni comunali 2005: risultati clamorosi. Provate a fare i confronti (è tutto scritto nei link).

5) Elezioni politiche 2006: vittoria del centro-sinistra, certo di poco, ma grande vittoria di Prodi.

Un pò di coerenza caro Berlusconi. Lei quando si sarebbe dovuto dimettere, mi scusi? O meglio, perchè non si è dimesso per sconfitte molto più rilevanti.
Inoltre non ho voluto ricordarLe quest'altra importante vittoria, forse la più importante.

Aspettiamo con ansia i risultati delle ormai prossime elezioni amministrative 2007.
Ma per piacere, un pò di coerenza.

Pubblicato il 25/5/2007 alle 14.20 nella rubrica Politica Interna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web