Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

ALLARME PARTITI FASCISTI IN ITALIA.



PICCOLA PREMESSA INIZIALE:

L'apologia del fascismo è un REATO previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente "Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione"), anche detta "legge Scelba", che all'art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque "fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità" di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure da chiunque "pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche".

La "riorganizzazione del disciolto partito fascista", già oggetto della XII disposizione transitoria della costituzione italiana, si intende (ai sensi dell'art. 1 della citata legge) riconosciuta "quando una associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista, ovvero rivolge la sua attività alla esaltazione di esponenti, principi, fatti e metodi propri del predetto partito o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista."

La legge prevede per il delitto di apologia sanzioni detentive, più severe se il fatto riguarda idee o metodi razzisti o se è commesso con il mezzo della stampa, ed accompagnate dalla pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici. (Fonte Wikipedia).

Insomma tanti miei lettori, esaltando il fascismo e la figura di Mussolini rischierebbero qualcosa. Ma andiamo avanti, visto che c'è di peggio.
Infatti, vagando per il web, vengo a sapere che ci sono alcune persone che, a quanto pare, vorrebbero rifondare il Partito Fascista Repubblicano (PFR), la cui riorganizzazione è espressamente vietata dalla nostra Carta Costituzione Repubblicana.
Ecco il link: http://www.partitofascistarepubblicano.it/
Tale sedicente partito, secondo quanto si legge nella scheda di presentazione del sito, fa dichiaratamente riferimento alla tragica e nefasta esperienza mussoliniana, sposandone in tutto e per tutto l'ideologia complessiva. Il programma, accanto a formali dichiarazioni di rispetto della legge e della democrazia politica - oltre a prevedere, tra i suoi obiettivi, il ripristino del corporativismo in economia e dei lavori forzati in ambito giudiziario e oltre a varie ‘proposte' di chiara matrice oscurantista e antidemocratica - chiede specificatamente l'abolizione della dodicesima norma transitoria contro la ricostituzione del Partito Nazionale Fascista. Il sito, inoltre, alla voce ‘contatti', indica un recapito telefonico di un cellulare e una posta elettronica, cui fare riferimento per le adesioni.

Non vi sembra un vero e proprio atto anti-costituzionale?
Vi sono dei precedenti che fanno riflettere parecchio: il Movimento Fascismo e Libertà è stato fondato nel 1991 dal senatore Giorgio Pisanò; ha affrontato alcune decine di processi per ricostituzione del partito fascista, ma la precisazione «del disciolto partito fascista» è stata sufficiente per ottenere in tutti i casi l'archiviazione o l'assoluzione.
Mi sembra una decisione sbagliata della magistratura perchè il nome del movimento si rifà dichiaratamente all'esperienza fascista. Ma lasciamo perdere.
Praticamente bastano le parole "del disciolto partito fascista" per salvarsi dal reato!
Non vi sembra una buffonata? E sul sito in questione ci sono tali parole?

Lascio a chi di dovere il giudicare tale faccenda.

Inoltre ho scoperto un nuovo sito fascista: http://www.nuovofascio.altervista.org/ 
Lascio a voi ogni tipo di commento.
Ora e sempre Resistenza.

AGGIORNAMENTO: HO NOTATO CHE TRA I LINK DEL SITO http://forza_e_onore.ilcannocchiale.it, blog del mio avversario politico Ardito, sono inserito  nella categoria NEMICI. La differenza c'è
Vergogna a chi vede la politica in questo modo.

NUOVO AGGIORNAMENTO: il blogger ha cambiato la parola NEMICI con avversari.
Meglio di niente.

Pubblicato il 10/4/2007 alle 11.52 nella rubrica Politica Interna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web