Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

MEGLIO IL MALE MINORE CHE UN BERLUSCONI DI NUOVO AL GOVERNO

<B>I leader del Polo sul palco</B>

Questo che sto scrivendo sarà un post che desterà scalpore ai miei lettori, i quali pensano che io sia un "politico" (anche se sappiamo tutti di importanza minima e oserei dire vicina allo zero, in quanto candidato alle scorse elezioni municipali con Veltroni, pero lasciatemi usare tale termine) idealista e poco pragmatico, che crede  nei valori sociali della sinistra riformista e nel concetto di patria, sempre vista con gli occhi di chi ha come ideale, come punto fondante la sua politica, la resistenza e il suo credo.

Ma per una volta, voglio lasciare gli ideali da parte e voglio essere il più concreto possibile.Questa volta mi sento di dire che accoglierei a braccia aperte qualsiasi senatore che appoggi Romano Prodi e il suo governo (ovviamente basta che non abbia avuto problemi con la giustizia, la moralità berlingueriana prima di tutto).

Sinceramente uno come Follini mi piace, nel senso che lo considero un politico onesto e che durante le scorse elezioni politiche aveva ricevuto da me segnali di stima.
Ma non basta. Io voglio altri senatori. Voglio arrivare a 160 senza l'aiuto dei senatori a vita.

E questo perchè secondo voi?
Perchè questa volta non possiamo permetterci di far tornare Berlusconi al governo. Non possiamo permetterci di sprecare tutte i sacrifici di questo periodo che stanno risanando la nostra economia e far prendere il merito a Berlusconi e compagnia bella. Non possiamo abbandonare le nostre politiche di liberalizzazione, le nostre riforme della scuola, insomma il nostro sogno riformista e democratico.

Per una volta, amici della sinistra, tappiamoci il naso, chiudiamoci gli occhi noi e scegliamo il male minore, per il bene della democrazia italiana e dell'intera nazione.
Basta "idealismi" vari, ma siamo concreti.
Il male assoluto è Berlusconi, è quel signore che a mano tesa saluta i pecorones sottostanti.
Un'immagine che mi ricorda il periodo più brutto e triste della storia italiana, fatta di razzismo, crimini, morte, povertà e terrore. Vissuta sulla pelle degli italiani.

MAI PIU'.


AGGIORNAMENTO.
Alla fine la condanna è arrivata: per Cesare Previti 1 anno e sei mesi di reclusione per la vicenda del lodo Mondadori, che si aggiungono alla condanna definitiva a 6 anni che gli era stata inflitta dalla Corte di Cassazione per la vicenda Imi-Sir .

Per questo affermo sempre con più convinzione: MAI PIU' .

Pubblicato il 24/2/2007 alle 12.31 nella rubrica Politica Interna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web