.
Annunci online

RinascitaNazionale
Blog della sinistra italiana, Patriottica e Partigiana (a cura di Claudio Barocci)
 
 
 
 
           
       




Google





SCAMBIO LINK (clicca qui)

NUOVO FORMAT: ARTICOLI UNICI































"LA REPUBBLICA ITALIANA E' FONDATA SUI VALORI DELLA RESISTENZA PARTIGIANA".

"L'AMOR PATRIO E' SEMPRE APPARTENUTO ALLA SINISTRA ITALIANA: DAL RISORGIMENTO ALLA RESISTENZA".


Una d'arme, di lingua, d'altare,
di memorie, di sangue e di cor.

(A. Manzoni, Marzo 1821)



Qui si fa l'Italia o si muore!












"GRAZIE EROI DELLA PATRIA"



 
31 gennaio 2007

BERLUSCONI LATIN-LOVER...ECCO UN PRECEDENTE ANCORA PIU' GRAVE...



Vorrei subito sottolineare che questo è un articolo di satira, altrimenti i miei amici fascisti-forzisti comincerebbero ad insultare come loro solito.

Ebbene è sulla bocca di tutti la faccenda che riguarda la coppia Berlusconi-Lario: lei chiede delle pubbliche scuse dopo che Bugiardoni ha tenuto un comportamento da "scapolone"  durante la notte di gala dei "Telegatti" (e già che il leader dell'opposizione partecipa a ste "baggianate" ci dovrebbe far riflettere....).
Il nostro latin-lover ci ha provato con la Yespica, con la Carfagna, con la Satta e chi più ne ha più ne metta, senza farsi problemi "coniugali", ed il tutto, in una sola nottata.

Bravo Bugiardoni...ma la sua morale "cristiana" dove l'ha lasciata? Ad Arcore? o a Villa Certosa?
Si fa paladino della famiglia...ma è il primo a non sapere cosa significa avere e rispettare una famiglia.

Ma comunque sono problemi che riguardano Veronica e Silvio, a me non interessa più di tanto.

Però vorrei ricordare un precedente, secondo  me ancora più grave, perchè riguardante anche il nostro Paese.  Vi chiederete chi sia questa signora...
<B>Le donne del Cavaliere</B>


 è la presidente finlandese Tarje Halonen.  Quando Berlusconi era capo del governo, ministro dell'economia, degli esteri etc etc...si sfiorò l'incidente diplomatico con questa dolce signora.
A Parma, alla cerimonia di inaugurazione dell'Agenzia europea per la sicurezza alimentare, Berlusconi lasciò intendere di averla sedotta per riuscire a ottenere i propri obiettivi: "Ho rispolverato tutte le mie arti da playboy...". La battuta provocò la reazione ufficiale, e sdegnata, di Helsinki.

Ma vi rendete conto che razza di "animatore turistico"???
Schezare va bene, ma c'è momento e modo...ma tanto i miei amici fascisti-forzisti non capiscono...

Ma comunque la faccenda di oggi mi puzza....pensateci bene...




permalink | inviato da il 31/1/2007 alle 12:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (79) | Versione per la stampa

30 gennaio 2007

Riconoscere i PACS . Un "sacrosanto" diritto.

per OfficinaDemocratica




permalink | inviato da il 30/1/2007 alle 10:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (81) | Versione per la stampa

27 gennaio 2007

GRAZIE ALLE LIBERALIZZAZIONI PRODI-BERSANI IL CITTADINO RISPARMIA QUASI 1000 EURO L'ANNO....GRAZIE!



Con il pacchetto delle liberalizzazioni varate dal governo Prodi
una famiglia tipo, che chiameremo Rossi - mamma, papà, un figlio adolescente, un telefonino a testa, un’automobile di proprietà, un motorino e un mutuo bancario di 100mila euro - risparmierebbe 1330 euro l’anno secondo l’Adusbef (Associazione difesa utenti servizi bancari e finanziari). La stessa famiglia risparmierebbe invece solo 300 euro l’anno per l’Adiconsum (Associazione difesa consumatori e ambiente). Un benificio che salirebbe però a 1005 euro l’anno se si prendesse il calcolo fatto dalla Federconsumatori, ma che riscenderebbe a 520 euro per Altroconsumo. All’indomani dei provvedimenti di governo ecco il «balletto» delle cifre sui benifici ai cittadini che riguarda le singole voci della «lenzuolata» Bersani.


Come la mettete la mettete, ma il governo di centro-sinistra produce fatti, fatti concreti, che portano veri risparmi. Non favole, sogni ed illusioni, proprie del governo Berlusconi.
Ma la cosa che più mi fa pensare è che, mentre succede tutto questo, il governo Prodi sta rimettendo in ordine i conti dello stato. Promozioni dall'Unione Europea, dal Fmi....insomma un successo.

Riforme che serviranno a far crescere il Paese, a rimetterlo in moto dopo 5 anni di berlusconismo col rischio sfiorato di una recessione economica.

Berlusconi cosa ne pensa di tutto ciò...ah già lui pensa ad altro...lui pensa a difendere i propri privilegi e le proprie televisioni...dimostrando sempre di più come il suo sia un partito "personale" nato per difendere i suoi averi, e magari incrementarli, e salvarsi da ciò che tutti sanno...

Grazie dell'attenzione.




permalink | inviato da il 27/1/2007 alle 12:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (91) | Versione per la stampa

26 gennaio 2007

BERLUSCONI VUOLE UN BALLARO' TARGATO MEDIASET



Si avete capito bene: non gli bastano i vari Belpietro, Fede, Del Debbio, Mentana, Rossella, Giordano e Pivetti.
Vuole anche un programma simile a Ballarò. Magari condotto da Bondi e con opinionista Feltri.

E se tornasse a governare, quanti Ballarò pro-Berlusconi ci aspetterebbero scusate?

Intanto la sinistra al governo comincia a fare sul serio.
Di seguito, i punti contenuti nel pacchetto Bersani.

Telefoni cellulari. Vietata l'applicazione di costi fissi e contributi per la ricarica di carte prepagate. Abolita la previsione di termini temporali massimi di utilizzo del credito acquistato.

Poste. Arriva un bonus automatico, che si può spendere subito, come rimborso per il mancato recapito di lettere e pacchi.

Benzina. Obbligo, per i gestori, di fornire informazioni agli automobilisti per favorire concorrenza e trasparenza sui prezzi dei carburanti su strade e autostrade.

Tariffe aeree. Vietate le offerte e i messaggi pubblicitari di voli che riportano l'indicazione al netto di spese, tasse e altri oneri aggiuntivi.

Scadenza alimenti.
La data di scadenza e del termine minimo di conservazione devono figurare sulle confezioni dei prodotti in modo visibile, leggibile e indelebile.

Assicurazioni. Addio all'esclusiva per gli agenti. Si interviene anche sulla durata del contratto: nel caso in cui sia poliennale, l'assicurato ha la facoltà di recedere annualmente senza oneri con un preavviso di 60 giorni.

Rc auto. Prevista una maggiore informazione. Sarà il ministero dello Sviluppo a realizzare il servizio, anche tramite il proprio sito, sulla base dei dati Isvap, con l'obiettivo di consentire la comparazione tra le diverse proposte. In caso di nuovo contratto, all'utente dev'essere attribuita la stessa classe di merito risultante dall'ultimo contratto.

Ipoteca. Più facile cancellare un'ipoteca. Il creditore è tenuto a comunicare entro 30 giorni l'avvenuta estinzione del mutuo alla conservatoria che provvede all'immediata cancellazione, senza necessità di un'autentica notarile.

Libero recesso contratti tv, telefonia, internet
. Il nuovo decreto stabilisce la libertà di "recedere o trasferire" senza "vincoli temporali o ritardi non giustificati da esigenze tecniche o spese non giustificate da costi degli operatori" i "contratti stipulati per adesione con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazioni elettronica". Gli attuali contratti dovranno pertanto tenerne conto ed essere adeguati entro 60 giorni.

La "Borsa del gas". Nasce una sorta di Piazza Affari per regolamentare le contrattazioni del combustibile.

Revoca affidamenti lavori Tav. Si prevede la revoca degli affidamenti per i lavori della Tav non ancora iniziati e la messa in gara degli affidamenti revocati. La misura era stata caldeggiata dal ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro.

Mutui. Prevista l'abolizione di penali in caso di estinzione anticipata e consentita la 'portabilita da una banca a un'altra senza costi aggiuntivi.

Nascita impresa. L'interessato presenta al registro delle imprese, in via telematica o mediante la Camera di commercio competente, la comunicazione unica per gli adempimenti che riguardano i fini previdenziali, assistenziali, fiscali e per l'ottenimento del codice fiscale e della partita iva. Il registro delle imprese rilascia la ricevuta che costituisce titolo per l'immediato avvio dell'attività imprenditoriale.

Parrucchieri e facchini. Più facile per parrucchieri ed estetisti aprire un'attività: non saranno più vincolati dalla distanza minima né dal numero di abitanti del comune. Storici dell'arte ed archeologi potranno diventare guide turistiche senza dover sostenere un esame abilitante, a patto che conoscano le lingue straniere. Più libertà per avviare un'impresa di pulizie, disinfezione e facchinaggio: prevista l'abrogazione delle norme che prevedono requisiti professionali, culturali e di esperienza per l'esercizio di tali attività.

Scuola. CIAO CIAO MORATTI. Tornano gli istituti tecnici e gli istituti professionali e nascono i poli tecnico professionali.

Fisco. Nuovi sgravi per favorire la capitalizzazione delle imprese. Prevista una delega al governo per introdurre norme dirette a favorire l'intervento nel capitale di rischio delle società da parte di organismi di investimento collettivo in valori mobiliari e l'ammissione alla quotazione dei titoli di partecipazione. Per le società di capitali viene introdotta un'aliquota ridotta non inferiore al 20% da applicare alla parte di imponibile riferibile al capitale di nuova formazione.

Conti correnti. Sono nulle le clausole di massimo scoperto previste nei contratti di conto corrente, e tutte le clausole che prevedono una remunerazione accordata alla banca per la messa a disposizione di fondi a favore del correntista indipendentemente dall'effettivo prelevamento della somma.

Trasporti. Piena apertura alle autolinee interregionali che potranno fare concorrenza a chi opera per concessione statale. Si propone ai comuni di incentivare il car sharing, i taxi collettivi e gli autobus a chiamata.

Abolito il Pra. Addio al Pubblico registro automobilistico. Le immatricolazioni e i passaggi di proprietà saranno registrati nell'Archivio nazionale dei veicoli. Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi cessano di essere sottoposti alle disposizioni riguardanti i beni mobili registrati. Multa fino a 1.400 euro e ritiro del libretto di circolazione per chi 'trucca' veicoli.

Giornali. Vendita libera anche fuori dalle edicole, che non possono avere l'esclusiva. La vendita di stampa inoltre non può essere subordinata al rispetto del criterio della distanza minima fra esercizi o di parametri numerici prestabiliti.

Autocertificazione. Si semplifica il rapporto tra pubblica amministrazione e imprese, che potranno sostituire alcuni certificati con l'autocertificazione.

Cinema. Sarà più semplice aprire una sala cinematografica non dovendo rispettare l'obbligo della distanza minima fra più strutture.

Intermediari. Sarà più facile fare intermediazione commerciale e d'affari e saranno soppressi i ruoli o gli elenchi di diverse categorie, a partire dagli agenti immobiliari e dagli spedizionieri.




permalink | inviato da il 26/1/2007 alle 10:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (58) | Versione per la stampa

24 gennaio 2007

ECCO IL PACCHETTO DELLE LIBERALIZZAZIONI TARGATO PRODI-BERSANI



Ci dicevano che noi siamo comunisti...e che loro sono liberisti e liberali.

Eppure le riforme le fa un governo di centro-sinistra.
Una sinistra capace di rinnovare il Paese e allo stesso tempo di rimettere i conti a posto e rilanciare l'economia italiana.
La destra, oltre alle leggi salva-ladri cosa ha saputo fare? Cosa ha saputo fare oltre che  quintuplicare il fatturato di MEDIASET e compagnia bella?

Eppure la gente sembra non capire...

Intanto eccovi il pacchetto Prodi-Bersani

Consumatori
Una «iniezione» di mercato libero riguarderà la rete degli edicolanti, quella dei benzinai e gli orari di parrucchieri e barbieri. Per questi ultimi si prevede il superamento della chiusura settimanale il lunedì. In generale le misure puntano a far cedere alcune barriere d´ingresso che ostacolano nuove attività.

Telefonini
Bersani ha già annunciato di vole eliminare i costi di ricarica sulle tessere prepagate, una «gabella» che ha assicurato alle società telefoniche circa un miliardo e 700 milioni all´anno. Sulla vicenda si è in attesa di un pronunciamento dell´Authority per le tlc, ma nel testo potrebbe comparire già una norma generale di indirizzo.

Banche e assicurazioni
In arrivo le disposizioni avviate con il decreto di luglio che attendevano ancora norme attuative. Eliminate le spese per la chiusura dei conti correnti, la disposizione dovrebbe allargarsi anche ai conti di tenuta titoli. Nulla da fare invece per i mutui: non si potrà trasferirli da un istituto all´altro. Quanto alle assicurazioni, è in fase d´attuazione l´indennizzo diretto.

Class action
Una corsia preferenziale per la proposta di legge già in Parlamento sul ricorso collettivo dei consumatori sarà esaminata dal consiglio.

Meno burocrazia
Sarà forse un decreto a rendere immediatamente attuative le norme della proposta Capezzone «7 giorni per un´impresa», con passaggi snelli per avviare una nuova attività. Nello stesso provvediemento anche alcune norme di semplificazione di Nicolais.

Meno fisco per chi cresce
È la proposta Visco in favore delle imprese che aprono il loro capitale e che rafforzano la patrimonializzazione. La misura punta ad accrescere la competitività. Authority Il riordino delle Authority finanziarie prevede la riduzione del numero dalle attuali 5 a tre. Sul tema ci fu un lungo dibattito nella passata legislatura in occasione della riforma del risparmio. Isvap e Covip dovrebbero essere inglobate in altre strutture. Inoltre è allo studio una Autorità dei trasporti.

Reti
L´intenzione dell´esecutivo è di staccare le reti dagli operatori di servizi. Dovrebbero confluire sotto una unica holding la rete ferroviaria, quella elettrica e quella del gas. Ma l´operazione sarà ancora lunga: c´è da sciogliere il nodo Terna e da scorporare la Snam dall´Eni.

Finanziaria
Il ministro Tommaso Padoa-Schioppa presenterà la proposta di riforma della legge di bilancio, già esaminata al consiglio scorso.

SERIETA' AL GOVERNO.




permalink | inviato da il 24/1/2007 alle 10:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (98) | Versione per la stampa

23 gennaio 2007

L'UNIONE EUROPEA APPOGGIA IL PROGRAMMA DI RISANAMENTO ECONOMICO DEL GOVERNO PRODI



Siamo alle solite.
Tanti apprezzamenti per questa Finanziaria, da qualsiasi organizzazione super-partes, ed i vari "Berluscones" che la attaccano soltanto per populismo e demagogia, sapendo, che ormai non torneranno mai più al governo.

Il motivo è semplice. Il lavoro di risanamento comincia a dare i suoi frutti: l'economia torna a girare, c'è più fiducia tra i cittadini italiani, i conti cominciano ad andare verso al direzione giusta e tutto questo andando a favorire le classi sociali medie e soprattutto quelle più povere.
Ecco, per i più scettici, i dati:




Cosi il 70% degli italiani pagherà meno tasse...e i "berluscones" qualcosa di più.

Ma veniamo al motivo del post di oggi.
Ebbene: la Commissione europea, come anticipato nei giorni scorsi, promuove il programma di stabilità italiano per gli anni 2006-2011. È «ampiamente coerente» con l'obiettivo di riportare il deficit sotto il 3% entro il 2007, si legge nel rapporto del commissario europeo agli Affari economici e monetari Joaquin Almunia.

Certo poi l'UE afferma che "l'Italia resta un Paese a «medio rischio»",  ma i motivi sappiamo noi quali sono...vero Berlusconi-Tremonti?

Con loro era recessione economica...fortunatamente che il vento sta girando, e tutti insieme ci incamminiamo verso "il sol dell'avvenir"...

Serietà al governo




permalink | inviato da il 23/1/2007 alle 12:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (41) | Versione per la stampa

22 gennaio 2007

BERLUSCONI VUOLE RACCOGLIERE L'EREDITA' POLITICA DI CRAXI? NON NE AVEVAMO DUBBI...

per OfficinaDemocratica




permalink | inviato da il 22/1/2007 alle 10:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa

19 gennaio 2007

I FASCISTI, CON TANTO DI SALUTO ROMANO, INSULTANO E FISCHIANO PRODI.

<B>Università Cattolica, la contestazione a Prodi </B>

Ecco il popolo dei pecoroni. Ecco il popolo fascista, che uscito dalle fogne, torna con il saluto romano a ricordarci che i fascisti in Italia ci sono, e sono pure tanti.

Dopo il Berlusconi-day del dicembre scorso, in cui centinaia di fascisti, inneggiavano a Berlusconi quasi come fosse la "reincarnazione" del criminale Mussolini, sono tornati.

Niente di costruttivo, niente dialogo, solo insulti e saluti fascisti.
Duecento di militanti di Azione Giovani (l'organizzazione giovanile di Alleanza nazionale), davanti alla sala Magna dell'università Cattolica di Milano si sono riuniti sotto uno striscione di "Azione universitaria, destra in Ateneo", lanciando slogan come "Buffone, buffone"," Non ti vogliamo", "Silvio, Silvio", "Chi non salta comunista è", "Vai a lavorare". "Romano bastardo" e "Romano pervertito, Luxuria tuo marito".

Purtroppo è una vergogna. Questa gente è da condannare in toto, questa gente sono la rovina del nostro Paese.

Fortunatamente, qualche studente ha ricordato quale sia la realtà...
<B>Università Cattolica, la contestazione a Prodi </B>

...qualche decina di studenti hanno mostrato, tra i fischi dei contestatori del premier, un cartello che raffigura il volto di Totò Riina con scritto: "Io voto Berlusconi". Accompagnandolo con il grido: "Fascisti tornate a studiare".

Questo è il clima politico che abbiamo da quando Berlusconi è entrato in politica...







permalink | inviato da il 19/1/2007 alle 13:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (121) | Versione per la stampa

18 gennaio 2007

BRUTTE STORIE...



Dovrà tornare in aula, l´ex ministro della Salute (GOVERNO BERLUSCONI) Girolamo Sirchia. Il giudice per le indagini preliminari Micaela Curami lo ha rinviato a giudizio per corruzione e appropriazione indebita.

La vicenda risale al febbraio del 2005. Sirchia è accusato di aver incassato nel 1999 delle tangenti dalle multinazionali Immucor e Haemoties per la fornitura di apparecchiature mediche all'ospedale Policlinico di Milano dove Sirchia era primario del centro di Immunoematologia. Gli inquirenti avrebbero dalla loro tre assegni da undicimila marchi tedeschi (in totale, si tratta di circa 15 mila euro) ricevuti dal primario proprio dalle aziende produttrici dei macchinari che sono stati installati nell´ospedale lombardo. Ufficialmente si tratterebbe del pagamento di alcune consulenze, ma i giudici hanno messo in dubbio questa tesi, sostenendo l´ipotesi di una tangente intascata per concedere gli appalti. «Assegni intestati a me? Che io mi ricordi, assolutamente no», così aveva commentato Sirchia la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati insieme ad altri 90 medici italiani coinvolti nello scandalo.

Ma non solo. Secondo l´accusa, Sirchia avrebbe compiuto degli illeciti non solo nel corso della sua attività di primario, ma anche durante il suo incarico al ministero: il capo di imputazione è appropriazione indebita, l´ex ministro del governo Berlusconi avrebbe sottratto somme di denaro alla fondazione "Il Sangue", di cui era tesoriere.



Genova, udienza del processo Diaz, mercoledì 17 gennaio 2007. Al tavolo degli imputati ci sono 29 agenti e funzionari di Polizia che fecero irruzione nella scuola dormitorio la notte tra il 21 e il 22 luglio 2001 durante il G8 di Genova (93 persone picchiate e arrestate e poi prosciolte dai giudici e divenute parte offesa). Tutti sono accusati, a vario titolo, di lesioni gravi, violenza privata, danneggiamenti, perquisizione arbitraria, percosse. Ma anche di falsità ideologica, calunnia per aver orchestrato il ritrovamento nella scuola adibita a dormitorio di due bombe molotov e di aver "preconfezionato" l´accoltellamento di un´agente. Il tutto allo scopo di giustificare in qualche modo il blitz e la mattanza che ne è seguita...le molotov non ci sono. Non si trovano in Questura, anzi risultano ancora repertate nel fascicolo contro i ragazzi e le ragazze aggredite all'interno della scuola Diaz e non in quello del processo in corso».




permalink | inviato da il 18/1/2007 alle 13:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (42) | Versione per la stampa

16 gennaio 2007

BASE DI VICENZA SI O NO?

Progetto del raddoppio della base Usa di Vicenza, foto Ansa

Cosa ne pensano i miei lettori?
Intanto riporto le ultime più importanti dichiarazioni degli esponenti politici.

L'ampliamento della base militare Usa a Vicenza, contro il quale martedì sera sfileranno in corteo i comitati locali, si inserisce nella polemica sul presunto anti-americanismo del governo sollevata dal presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Il centrodestra, con diverse sfumature, cavalca l'accusa lanciata nei confronti del premier Romano Prodi e del ministro degli Esteri Massimo D'Alema. Il presidente del Consiglio prende tempo e da Lubiana fa sapere che l'Italia darà una risposta a Washington «nel tempo dovuto». Il suo braccio destro, il ministro per l'Attuazione del programma, Giulio Santagata, ritiene che l'ampliamento «può essere una buona occasione di sviluppo».

Arriva invece da Dresda l'esortazione del ministro dell'Interno ed ex premier, Giuliano Amato: «L'Italia farebbe bene a dire di sì ad un ampliamento della base Usa a Vicenza perché c'è stato un orientamento già espresso dal precedente governo». Nell'Unione, però, fanno discutere le opinioni del ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro: «Possiamo pretendere che gli americani non utilizzino il territorio italiano come rampa di lancio per aerei diretti a compiere missioni belliche in Iraq, ma non rifiutare l'ampliamento di una base», sono le parole riprese da alcuni quotidiani che fanno infuriare la sinistra radicale. Dall'estero, anche il Guardasigilli, Clemente Mastella, fa sapere che «i patti vanno rispettati e che un no alla base di Vicenza verrebbe interpretato dagli Usa come uno schiaffo in faccia».

Secondo il segretario dei Ds, Piero Fassino, la soluzione migliore sarebbe quella di un referendum «da fare subito» per consultare i cittadini di Vicenza e conoscere la loro opinione. Il leader della Quercia sottolinea: «Spetta al governo decidere su un eventuale ampliamento della base militare di Vicenza. Io ritengo che sia giusto conoscere cosa ne pensano i cittadini vicentini in modo che il governo abbia prima un elemento di valutazione per assumere la sua decisione finale. Per me sarebbe una cosa utile -spiega Fassino- cercare di capire maggiormente cosa ne pensano i vicentini di questa vicenda e sulla base di questo poi decidere».

RinascitaNazionale è per la realizzazione di un referendum a carattere locale (Vicenza e provincia). E voi, cari lettori del mio blog?




permalink | inviato da il 16/1/2007 alle 13:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (194) | Versione per la stampa

15 gennaio 2007

IL DELIRIO DEMAGOGICO DI STAMPO BERLUSCONIANO.

 foto ansa

Siamo alle solite. Quando non si hanno argomenti di "seria" discussione politica, Silvio Berlusconi insulta ed attacca, minando la stabilità democratica del nostro Paese.


Berlusconi, in collegamento telefonico con Roccaraso, sede della manifestazione di Forza Italia 'Neveazzurra' (che bella "invenzioncina" populista), è andato giù duro, parlando di un governo che "strizza l'occhio a Hezbollah" e critica la vicinanza italiana con Francia e Spagna e "l'alleanza euroaraba".

Ma dico stiamo scherzando? Questo personaggio politico riesce a capire l'importanza di avviare una seria politica EUROPEA, non unilaterale, senza essere schiava e succube nè degli Stati Uniti nè di qualsiasi altra potenza, islamica o "nucleare" che sia.

Stiamo tornando grandi a livello di politica estera, riacquistando un forte ruolo all'interno dello scacchiere internazionale. E questo portando avanti una politica seria, corretta, che ha nella ricerca della pace il suo spirito fondante.

Leggete che parole senza fondamento e quindi, false, ha pronunciato ieri il cavalier Bugiardoni: "l'Italia è in asse con Parigi e Madrid", è "serva dell'ambizione francese di diventare un pilastro nell' equilibrio euro-arabico", con una politica basata "sull'esclusione degli Usa dall'influenza nel Mediterraneo".
Questa l'analisi del Cavaliere: "L'America ci ha messo da tempo nella lista dei Paesi su cui non può contare. Questo governo - continua Berlusconi - strizza l'occhio ad Hezbollah e critica continuamente Israele che è l'unico avamposto di democrazia nel Medio Oriente". Si tratta - osserva ancora l'ex premier - di "una logica irresponsabile".

Ma vi rendete conto?
Ottima la risposta di Prodi: "Questa è un'altra invenzione di Berlusconi. Noi siamo assolutamente affidabili".Noi abbiamo però un elevato senso della dignità nazionale", dice il premier che aggiunge: "Non hanno cambiato nulla rispetto alla strategia del 2006. Insulti e attacchi, ma va bene così".

AGGIORNAMENTO: I frutti del governo Berlusconi ancora si vedono. Per effetto della prescrizione vengono "azzerati" quasi tutti gli episodi contestati nell'ambito del processo sui diritti televisivi di Mediaset dove imputati sono, Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri, oltre all'avvocato inglese David Mills e una decina di altre persone accusate a vario titolo degli stessi reati ma anche di ricettazione e riciclaggio.
GRAZIE ALLA CIRIELLI. 
VERGOGNA.




permalink | inviato da il 15/1/2007 alle 13:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (103) | Versione per la stampa

14 gennaio 2007

NUOVO ANNO, NUOVO FORMAT PER OFFICINA DEMOCRATICA



In questi giorni, come avete potuto vedere la nostra Officina Democratica è rimasta ferma…almeno in apparenza, perché il nostro progetto, il nostro esperimento è continuato e continua.
In questi giorni di apparente quiete, tutti noi che aderiamo a questa iniziativa ci siamo consultati a vicenda, ci siamo incontrati più volte (on-line ovviamente) e ci siamo scambiati idee…
Come avete potuto notare, ormai già da qualche tempo in alto a destra c’è un conto alla rovescia che ci accompagna…questo “Count Down” ci ha ricordato quanto mancava alla partenza della nuova veste del progetto, del nuovo “format” e come potete vedere…adesso ci siamo, si parte!
Se fino ad oggi avete letto post presenti anche sui nostri blog personali, da domani non sarà più così, gli autori saranno sempre gli stessi, ma i post che leggerete saranno nuovi ed inediti. Potrete leggerli solamente qui su Officina Democratica.
Inizialmente l’idea promotrice di questa iniziativa era molto ambiziosa, ma dopo poco più di un mese di vita, tutto sommato soddisfacente, abbiamo deciso di mantenere alta l’ambizione di questa idea ed abbiamo deciso di puntare su questa nuova formula che ci auguriamo possa essere per voi cosa gradita, che possa stimolare buoni propositi, buone discussioni e che possa farci e fare incontrare quante più persone possibili.
Vi auguriamo una buona lettura…


Lo Staff dell'Officina Democratica





permalink | inviato da il 14/1/2007 alle 16:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

13 gennaio 2007

DAL SEMINARIO DEL CENTRO-SINISTRA DI CASERTA, ECCO L'AGENDA DEL GOVERNO PRODI IN 10 PUNTI

Prodi a Caserta, foto Ap

I ministri partecipanti al Seminario di Caserta hanno deciso di porre al centro dell'azione di Governo del 2007 il tema della crescita, una crescita di qualità ancorata alla sostenibilità ambientale, alla formazione, alla cultura, alla piena valorizzazione delle risorse umane e alla ricerca e l'innovazione.

Solo attraverso una robusta e duratura crescita della ricchezza prodotta dal paese - si legge nel documento - è possibile infatti:
a) Completare l'azione di risanamento avviata con i provvedimenti varati nel corso del 2006 e con la legge finanziaria per il 2007;
b) Proseguire nella coesione della società italiana attraverso misure volte ad una maggiore giustizia ed equità sociale;
c) Colmare i divari di sviluppo e di qualità della vita delle diverse aree del Paese.

Lo sforzo di attuazione della legge finanziaria, la collaborazione con il Parlamento nel seguire l'iter legislativo dei provvedimenti già proposti così come le nuove iniziative del governo ed il pieno utilizzo del metodo della concertazione saranno volti ad operare per la crescita lungo le seguenti direttrici:
1. Ricerca e istruzione
2. Apertura dei mercati e difesa del cittadino consumatore e riforma delle autorità di regolamentazione
3. Semplificazione amministratività e tempi della giustizia
4. Sviluppo delle infrastrutture e delle reti di mobilità
5. Sviluppo del Mezzogiorno ed attuazione del nuovo quadro comunitario di sostegno 2007-2013
6. Difesa del territorio e del mare e sviluppo delle energie rinnovabili
7. Attrazione degli investimenti esteri e ristrutturazione di Sviluppo Italia
8. Federalismo fiscale e codice delle autonomie
9. Ricerca di una maggiore equità sociale ed intergenerazionale con la piena valorizzazione della famiglia, dei giovani e delle donne
10. Apertura del tavolo con le parti sociali per la verifica e la modernizzazione dello stato sociale.

COSA NE PENSATE DI QUESTA AGENDA? E DEL CONVEGNO DI CASERTA? LO AVETE TROVATO UTILE?

Serietà al governo.




permalink | inviato da il 13/1/2007 alle 13:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (130) | Versione per la stampa

11 gennaio 2007

BUON DIBATTITO A TUTTI: ESAMINIAMO INSIEME ALCUNE NOTIZIE.


Giuseppe Pellizza da Volpedo
, Discussione in canonica, ovvero Dice la verità? (1888)

Sanità: i primari pubblici non potranno lavorare nelle cliniche private

È stato deciso  di ripristinare l'esclusività di rapporto con il Servizio sanitario nazionale ( cioè con le strutture pubbliche) dei primari e dei capi dipartimento. Non è il ripristino della contestata riforma del ministro Bindi nel ‘99 che prevedeva l’unicità del rapporto, o pubblico o privato, per tutti i medici, riforma di fatto cancellata nel 2004 dal ministro Veronesi dopo la sollevazione della categoria. Ma almeno primari e capi dipartimento potranno d’ora in poi lavorare come liberi professionisti, a prestazione, solo all’interno delle strutture pubbliche in regime di intramoenia.
Almeno fintanto che ricopreranno il ruolo “apicale”, che è “a incarico” e quindi «reversibile», dice il provvedimento.

Papa Benedetto XVI: «Dannosi i progetti di riconoscimenti giuridici a forme di unione che indeboliscono la famiglia legittima fondata sul matrimonio»
«Appaiono pericolosi e controproducenti quei progetti che puntano ad attribuire ad altre forme di unione impropri riconoscimenti giuridici, finendo inevitabilmente per indebolire e destabilizzare la famiglia legittima fondata sul matrimonio», ha detto il Papa. Il pontefice ha definito la famiglia fondata sul matrimonio un «fondamentale bene umano».


Bush non cambia rotta in Iraq e invia altri 20 mila soldati.
Così partiranno altri 21.500 “ragazzi”: per la precisione, 4.000 saranno dislocati nella rovente provincia sunnita di Al Anbar, dove proprio mentre Bush pronunciava il suo discorso moriva il 3010° soldato dall’inizio del conflitto. Altri 17.500 uomini verranno invece inviati nella bombardata Baghdad – come rinforso ai 132 mila soldati Usa che sono già a presidiare la capitale irachena- , saranno inviati a pattugliare tutti i quartieri incluso Sadr City, la roccaforte del leader radicale sciita Muqtada al Sadr, con il suo esercito ancora non disciolto e il suo partito in procinto di fare il suo ritorno nel governo dello sciita Al Maliki (contento del rinforzo Usa). I 21.500 nuovi marines arriveranno a ondate, la prima il 15 gennaio e la seconda un mese più tardi. Il loro costo sarà esorbitante e dovrà passare al vaglio del Congresso. Perciò Bush chiede ancora una volta «pazienza, sacrifici e determinazione» agli americani ma ha espressamente detto agli alleati iracheni «che l'impegno delle forze statunitensi non è a tempo indeterminato».

VEDIAMO COSA NE PENSATE. BUON DIBATTITO A TUTTI.




permalink | inviato da il 11/1/2007 alle 12:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (113) | Versione per la stampa

10 gennaio 2007

FINALMENTE MENO TASSE E QUALCHE EURO IN PIU' PER I PENSIONATI ITALIANI



E' l'INPS, istituto super partes, il principale ente previdenziale italiano, ad affermare che, grazie alla finaziaria "sociale" di Romano Prodi,  quasi 9 milioni e mezzo di pensionati pagheranno meno tasse. La rimodulazione dell’Irpef effettuata attraverso la manovra economica si rifletterà quest’anno anche sulle pensioni, facendo risparmiare a oltre 9,4 milioni di pensionati un importo medio di 84 euro. Per altri 4,9 milioni la tassazione resterà invariata.


Come si legge nella nota diffusa dall’Inps: «Sulla base delle rilevazioni effettuate dall’Istituto risulta che 9.401.653 pensionati pagheranno meno tasse (per un importo medio di circa 84 euro), per 4.983.253 la tassazione rimarrà invariata, mentre per 565.867 ci sarà un aumento di importo.
Ovviamente, quelli che pagheranno più tasse, saranno coloro che godono delle cosidette "pensioni d'oro". Mi sembra più che giusto. O  avete da ridire anche su questo?

Inoltre, su circa sette milioni di pensioni che comprendono anche assegni al nucleo familiare, circa due milioni hanno avuto un incremento globale su base annua di circa 45 milioni di euro». L’Istituto sta avviando la spedizione a casa dei pensionati di circa 15 milioni di plichi contenenti la certificazione reddituale per il 2006 (Cud) e il certificato di pensione (modulo ObisM), con tutte le informazioni sulla pensione: importi mensili, detrazioni d’imposta, quote incumulabili con il lavoro, addizionali regionali e comunali. Chi usufruisce di prestazioni legate al reddito troverà all’interno anche i moduli da riempire per certificare la propria situazione reddituale (modulo Red).

Mi sembra chiaro: finalmente una finanziaria pro-pensionati della fascia medio, medio-bassa, bassa. Il 90% dei pensionati se la passerà meglio. Il 10% dei pensionati "d'oro" avranno qualcosa di meno. GIUSTO!
Finalmente i pensionati, pagheranno meno tasse e vedranno aumentata la loro pensione di qualche decina di euro.
Certo si potrebbe fare di più, ma la situazione economica italiana disastrata, lasciataci dal Cavalier Menzogna, non lo ha permesso. Eppure questa è la strada giusta, la strada dell'equità e della giustizia sociale. Stanno finendo i tempi per i "furbetti del quartierino", per quei pensionati che prendono 5000 o 6000 euro al mese di pensione.
I privilegi, al governo Prodi, non piacciono.
E l'Italia ricomincia veramente a girare.

SERIETA' AL GOVERNO.



O.T: giustizia per  Federico Aldovrandi:
ci sarà finalmente un processo dopo più di 15 mesi dalla morte in circostanze “sospette” del giovane 18enne che il 25 settembre 2005 perse la vita a Ferrara dopo essere stato fermato dalla polizia. È stato depositato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari alla richiesta di rinvio a giudizio dei quattro agenti. La notizia è stata data sul blog della madre di Federico, Patrizia.




permalink | inviato da il 10/1/2007 alle 12:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (94) | Versione per la stampa

9 gennaio 2007

LA TV DI STATO DI ARCORE,MEDIASET, SI SCAGLIA CONTRO PRODI



E' ufficiale: Silvio Berlusconi sta scatenando i suoi media contro il presidente del consiglio Romano Prodi. Come?
Ora vi spiego: non utilizzano programmi "seri", intelligenti, culturali per fare suddetto attacco.
Berlusconi sa che chi è intelligente ed ha un minimo di cultura non puo votare a destra, o meglio, il suo partito populista ed illiberale.
Cosi, cosa ha pensato il Cavalier Menzogna?


Utilizziamo tutti i programmmi "spazzatura" che trasmetto nelle mie televisioni di stato!
Bombardiamo i pecoroni con battuttine su Prodi e il suo governo.


1°esempio
Buona Domenica
, programma spazzatura per eccellenza.

E che succede, tra urla e canti? Il ritorno del famosissimo mago ... ALIAS... SILIAS...TRILIAS... ovvero il Mago di Arcella, il quale  prevede che il giorno 22 giugno morirà... il governo Prodi - e aggiunge - " se non dovesse succedere, io Mago di Arcella vado in Piazza Montecitorio e mi AMMAZZO".

Il pubblico di BuonaDomenica, che sappiamo benissimo da che gente sia formato (personaggi che guardano dalla mattina alla sera telenovele, tronisti, ballerini e corteggiatori, quelli che non hanno mai partecipato ad una manifestazione, tranne quella "buffonata" di dicembre, il FI day), ha comicniato a ridere, scherzare ad urlare e strepitare. Ed inconsciamente, comincia il lavaggio del cervello dei pecoroni.

Ovviamente, già sarebbero gravi e pericolose, le parole di un personaggio che dice di ammazzarsi se il governo Prodi non cade (bella educazione che da la tv di Berlusconi, ma a lui, ovviamente, fa comodo..).

2°esempio:
Striscia la Notizia
, ormai programma dalle forti tinte pro-Berlusconi.

Danno il tapiro alla Turco, ministro della Salute, per la faccenda degli ospedali.
Ebbene, la colpa è della Turco o del governo precedente? Oppure è proprio un malcostume italiano? Comunque far credere ai pecoroni che sia solo colpa della Turco è molto ingannevole.
Non trovate?
Almeno, finalmente, dopo anni e anni, si sta cominciando a muovere qualcosa.

3°esempio:
Il bagaglino
, programma che non mi ha mai fatto ridere...

il nuovo programma targato Pippo Franco, si intitolerà "Ed io pago!", per via della Finanziaria, e gia dalla presentazione, attacchi a Prodi ingiustificati e ridicoli, che sicuramente, completeranno l'opera inconscia del lavaggio del cervello di chi di politica ne capisce poco, i pecoroni appunto.

Ovviamente è inutile che aggiunga il lavoro continuo di capolavori di regime come il TG4,  "secondo voi" di Del Debbio, StudioAperto, l'Antipatico etc etc...

Grazie dell'attenzione.




permalink | inviato da il 9/1/2007 alle 12:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (71) | Versione per la stampa

8 gennaio 2007

VILLA CERTOSA DIVENTA ANCORA PIU' BELLA. BERLUSCONI RINGRAZIA E PORTA A CASA.



Avevo già scritto un post su Villa Certosa, la famosa villa di Silvio Berlusconi in Sardegna, quella del vulcano, delle serate pazze e di qualsiasi altro simbolo dello spreco e del consumismo, tipico di ogni neo-ricco http://rinascitanazionale.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1042188

Però proprio oggi, mi giunge una ennesima notizia su tale villa, o meglio, reggia: dopo l'anfiteatro greco, il laghetto artificiale, la piantagione di cactus e l'agrumeto con illuminazione notturna, dopo le piscine per la talassoterapia e la cascata sul mare, senza scordare il già citato "vulcano artificiale" che a comando erutta finta lava incandescente, Villa Certosa si arricchisce anche di un orto botanico, ovviamente in "grande stile".

Un orto mediceo, un giardino che ospiterà le piante officinali di tutto il mondo. L'opera non dovrebbe comportare variazioni di rilievo all'interno del parco e i sopralluoghi degli organi competenti avrebbero già dato esito positivo.

Meno male. Siamo contenti per lui.
Ma la gente ora si chiede: a quando una rampa per lanciare le "navicelle" nello spazio?
Oppure cosa suggeriamo di realizzare al nostro simpatico capo-villaggio Berlusconi?!




permalink | inviato da il 8/1/2007 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (85) | Versione per la stampa

7 gennaio 2007

ALTRO CHE SALO' O PREDAPPIO. IL TRICOLORE E' NATO A REGGIO-EMILIA.



Tante persone, o meglio, tanti pecoroni, associano la bandiera italiana alla destra, o ancora peggio al fascismo.
Più volte ho spiegato come il vero amor patrio sia rappresentato realmente e giustamente dalla sinistra storica italiana, quella che nasce col risorgimento italiano ed arriva fino alla resistenza italiana.
Eroi che morirono per fare l'unità d'Italia, per mettere fine alla crudele dittatura fascista e per cacciare l'invasore tedesco, per ridare prestigio e credibilità internazionale al nostro paese, ed infine, per garantire libertà ed uguaglianza a tutti cittadini italiani.
E mi vengono a parlare di Salò, del fascismo e di Predappio, questi vergognosi.
E mi vengono a parlare di Padania e di repubblica padana, questi vergognosi.
E mi vengono a dire che Alleanza Nazionale, alleata con la Lega, sia un partito dal forte senso patriottico, questi vergognosi.
E mi vengono a dire che Berlusconi, che ha fondato un partito rappresentato da una bandiera italiana, sia un vero patriota, questi vergognosi.
Ma andatevi a studiare la storia. La storia che parla di Reggio Emilia.
http://www.tricolore.it/

Mi congedo lasciandovi le parole del nostro amato presidente della repubblica: "le manifestazioni di oggi in occasione dell'anniversario del Tricolore sono un importante momento per celebrare i valori di libertà, democrazia, solidarietà a fondamento della Nazione e per riflettere su come rispondere alle difficili sfide del nostro tempo mantenendosi nel solco di quei valori".

Grazie dell'attenzione.





permalink | inviato da il 7/1/2007 alle 13:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (76) | Versione per la stampa

6 gennaio 2007

E FINALMENTE LE PENSIONI AUMENTANO REALMENTE. GRAZIE PRODI.



L'ho detto e l'ho ripeto: un governo di destra non farà mai niente di buono per le classi medio, medio-basse e basse.

Non sono io che lo dico. Ma è la storia.
Da che mondo è mondo, la destra ha "lavorato" per gli imprenditori, per le classi privilegiate, sempre. La destra non difenderà mai i diritti dei lavoratori, dei pensionati e degli statali.

Proprio oggi, mi giunge una notizia importante: un miliardo e trecento milioni di euro in più per i pensionati italiani. Un beneficio che verrà suddiviso fra 9 milioni e mezzo di pensionati che, a partire da gennaio, riceveranno un trattamento migliore grazie al nuovo regime fiscale previsto dalla Finanziaria. Mentre 5 milioni lo manterranno invariato e solo 500 mila pagheranno di più. Queste, secondo i nuovi dati dell'Inps diffusi dal presidente del Consiglio Romano Prodi, le conseguenze della Finanziaria 2007 sul trattamento previdenziale degli italiani. Dunque, per usare le parole dello stesso premier, la stragrande maggioranza avrà «qualcosa in più nella pensione», e, per quanto riguarda quel mezzo milione di «svantaggiati», il capo del Governo assicura che si tratta di un «piccolo peso» che «influirà soltanto sulle pensioni più alte».

Questo è lo spirito della Finanziaria 2007.
Mettere i conti in ordine, togliendo un poco a chi ha tanto, dare di più a chi ha poco e rilanciare l'economia italiana. I pecoroni non possono capire purtroppo.

Eppure mi domando: tra loro, c'è qualcuno che ha un reddito medio, medio-basso?
Riusciranno mai a capire che questo governo sta lavorando per loro, per farli arrivare tranquillamente a fine mese. I dati parlano chiaro.

Nello specifico, dai nuovi dati forniti dall'Inps, emerge che, degli oltre 5 milioni di soggetti che percepiscono una pensione inferiore ai 9.000 euro, quelli che avranno un maggior carico fiscale saranno 7.539, contro i 382.737 che godranno di uno sgravio. Se si sale fino a 16.000 euro di base imponibile annua, i «danneggiati» dalla Finanziaria saranno 2.813, mentre quelli avvantaggiati 4,44 milioni. Cifre simili anche per la fascia fino a 23.000 euro (32.800 di soggetti a maggior carico fiscale contro i 2,81 milioni a minor carico) e per quella sino a 30.000 euro (17.205 contro 1,26 milioni). L'inversione di tendenza si avrà invece sopra i 40.000 euro di base imponibile: nella fascia fino ai 50.000 euro, 178.938 soggetti su 180.167 si vedranno aumentare il carico fiscale.

Dati che, secondo il ministro per l´Attuazione del Programma, Giulio Santagata, mettono finalmente in luce l´«evidente effetto redistributivo» che sta alla base della Finanziaria 2007. Dal canto suo, Prodi sebra tirare un sospiro di sollievo, dopo la lettura di questi come degli altri dati che iniziano ad affluire in questi giorni sugli esiti della tanto contestata legge: «Come avevo detto in passato ora che siamo a gennaio si capisce che questa è una Finanziaria seria e giusta».

Esattamente amici miei.
La finanziaria ora comincia ad essere capita anche da chi prima la disprezzava.
E come ho detto precedentemente, la destra non tornerà mai più a governare.

La sinistra porterà benessere, stabilità politica e rilancio economico e internazionale alla nostra amata Italia. Alla destra rimarrà soltanto delusione e qualche briciola di voti.

SERIETA' AL GOVERNO

Grazie dell'attenzione.




permalink | inviato da il 6/1/2007 alle 15:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (52) | Versione per la stampa

5 gennaio 2007

HO BISOGNO DI SAPERE COME LA PENSATE SU ALCUNE QUESTIONI.



Stavo esaminando delle questioni.Vorrei il vostro aiuto.

C'è chi vorrebbe intitolare una strada a Craxi.
Io mi domando: cosa ha fatto questo signore per il bene del nostro Paese? Sono curioso di sapere cosa ne pensate voi.
Si, senza dubbio, ha dato la possibilità a Berlusconi di avere 3 televisioni "nazionali", facendolo diventare il più grande imprenditore italiano.
Si, per carità, è stato al centro della vicenda Tangentopoli (scena emblematica,vi ricordate? Fuori ad uno hotel di Roma e tanti cittadini italiani che gli gridavano, avendo in mano monete da 50 lire: "VUOI PURE QUESTE, BETTINO VUOI PURE QUESTE?!!").
Quindi mi chiedo. Immaginatevi, che ne so, una nuova strada al centro di Roma o Milano, quindi visibile anche ai turisti, con scritto VIA BETTINO CRAXI, e sotto, tangentista!

Veramente uno spettacolo che potremo evitare, non credete?
E come potete vedere, quando non la penso come Prodi, sono il primo a farlo notare.

Un'altra cosa da esaminare:
la probabile candidatura a sindaco di Pitigliano del leader della Fiamma Tricolore, Luca Romagnoli.
Che c'è di strano? Si, lo so, grazie alla democrazia, "conquistata" nel vero senso dalla parola, dagli eroi partigiani, si possono candidare anche personaggi del genere.
Ma la cosa ancora più strana è che a Pitigliano, piccolo comune della Maremma la cultura ebraica è ancora forte, non a caso in giunta c´è anche un assessore, Diva Bianchini, che ha una delega specifica alle tradizioni ebraiche. Per questo, questa cittadina, è considerata la "Piccola Gerusalemme" d'Italia.
Mi chiedo e vi chiedo: non vi sembra una provocazione? Con tutti i comuni d'Italia, perchè canidarsi proprio a Pitigliano? An, intanto, guarda interessata al progetto "alternativo".

Altra questione:
l'idea di Amato di realizzare una Convenzione per le riforme, cosa vi ricorda?
Personalmente, mi fa pensare a un progetto fallimentare targato Massimo D'Alema: la Bicamerale.
Certo, noi "comunisti", cerchiamo sempre il dialogo. Però non vedo perchè cercarlo con chi non l'ha mai voluto. E soprattutto con gente tipo Berlusconi e Bossi.

Grazie dell'attenzione.






permalink | inviato da il 5/1/2007 alle 12:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (47) | Versione per la stampa

4 gennaio 2007

IL CAVALIER BUGIARDONI E LE MENZOGNE IN AMBITO ECONOMICO.

«Vi ho lasciato un´eredità coi fiocchi». Non è una battuta natalizia. È ciò che dice – testuali parole -Silvio Berlusconi in un fax inviato ai nuovi inquilini di Palazzo Chigi.
Ma io mi chiedo: "questo populista da quattro soldi, cosa ha nel cervello? Pensa che l'Italia sia per il 100% della popolazione formata da pecoroni ignoranti?"

Vediamo nel dettaglio alcuni grafici, che gentilmente il mio amico Gianni Guelfi fa utilizzare http://gianniguelfi.ilcannocchiale.it/ 



Come potete vedere, durante i 5 anni di governo di centro-sinistra il PIL crebbe e anche di parecchio. Arriva Berlusconi e il PIL italiano crolla si dimezza e va oltre, con il minimo raggiunto proprio nell'ultimo anno.



Vediamo il deficit pubblico: stessa musica, raggiunge il minimo con il governo di centro-sinistra, raggiunge i massimi con il governo di Mr Berlusconi, arrivando addirittura al 4,3% (forse siamo sopra solo all'Albania).



Vediamo se a livello internazionale il Cavalier Bugiardoni ha combinato qualcosa: niente tracollo anche in questo caso.

QUALCUNO OBIETTERA': MA CI FU L' 11/9, LO TSUNAMI,
 LA GUERRA IN IRAK, TUTTA L' EUROPA ERA IN CRISI ! MICA VERO, GUARDATE QUA SOTTO




Esatto in Europa, dopo una crisi, ovvia, causata dall'11 settembre 2001, c'è comunque una ripresa, seppur lenta e graduale.  In UE si cresce, tutti, meno che noi, la nostra amata Patria.

Inoltre vi suggerisco di andare a leggere tutto l'articolo di Guelfi http://gianniguelfi.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1308390 in cui "sbugiarda" Bugiardoni in ogni ambito economico. E giustamente fa notare, che mentre non si avevano i soldi per mettere in moto i cantieri da Bugiardoni tanto pubblicizzati e allo stesso tempo, le casse italiane si erano svuotate, con dei risultati economici da paese africano, l'unica cos che cresceva cos'era?
MEDIASET. Esattamente l'azienda privata di Berlusconi.

E i pecoroni cosa diranno? Loro nelle mani di Berlusconi, che agita lo spettro del comunismo, l'unico in Europa, e stanno al suo gioco, al gioco di chi si doveva e si deve ancora,salvare da ciò che tutti sanno.
No, loro niente, i pecoroni lo giustificano. Ma perchè? Come si fa ad essere cosi "capoccioni"!


MA IL POST NON E' FINITO QUA:
devo far notare, attraverso le parole di Prodi, un atteggiamento gravissimo di Bugiardoni: "un problema molto più serio: se questo è seguire il consiglio del Capo dello Stato di avere un dibattito politico serio, finalmente, in questo Paese".
Berlusconi cerca e ricerca sempre e soltanto lo scontro politico. Non sa fare altro che insultare, denigrare i suoi avversari politici, cercando sempre di destabilizzare le basi della nostra democrazia.
Comunque è risaputo: ai pecoroni piace e sarà sempre cosi, il ducetto di turno.

Ma leggiamo insieme cosa ha affermato Prodi riguardo i disastri del precedente governo:
«I dati con cui siamo entrati al governo del Paese erano e sono gravissimi, un fabbisogno estremamente elevato. I conti che abbiamo trovato e le situazioni delle Ferrovie, dell'Anas e di Sviluppo Italia tendono già da sole a dimostrare come quest'accusa sia infondata e vada anche rovesciata. Il bilancio aveva distrutto ogni avanzo primario e quindi partivamo veramente da situazioni complesse. Il debito era cresciuto e dobbiamo dare un segnale di diminuzione».

A replicare numeri alla mano ci pensano il ministro dell´Economia Tommaso Padoa Schioppa e il viceministro Vincenzo Visco. Il primo, al Tg1, spiega che «veramente noi abbiamo ereditato una procedura per deficit eccessivo con la Comunità Europea, un abbassamento del rating, della valutazione di due agenzie internazionali, un debito pubblico che aveva ricominciato a crescere. Questa è la situazione da cui siamo partiti e credo che ci vorranno ancora alcuni anni per poter dire che il risanamento dei conti pubblici è cosa compiuta». Con l´obiettivo di abbassare le tasse dal 2008, dopo «un anno intero di sperimentazione dei risultati di questa politica».

Ma chi risponde più per le rime all´apoteosi di Tremonti fatta dal suo benefattore Berlusconi, è Visco, con una lunga nota che confronta cifre a cifre. «La verità è che lo stato dei conti pubblici lasciato da Tremonti era al limite del disastro, con cantieri aperti ma senza più un euro per finanziare i lavori, con contenziosi aperti e mai curati con l'Unione europea, con capitoli di bilancio ormai prosciugati, con l'Alitalia e le Fs sull'orlo del fallimento e con il crollo del gettito fiscale provocato dalla politica dei condoni». Per cui, secondo Visco, «è davvero singolare che oggi, a consuntivo, Tremonti abbia il coraggio di rivendicare un risultato che non è davvero suo e che prevede un miglioramento del fabbisogno di cassa di circa 31 miliardi di euro rispetto a quello calcolato dallo stesso Tremonti nella Relazione Trimestrale di Cassa presentata il 5 aprile 2006 (fabbisogno previsto da Tremonti per il 2006: 66,5 miliardi di euro; fabbisogno effettivo: 35,2 miliardi di euro). Lo dimostra – continua Visco - anche il risultato dell'indebitamento del 2006: nonostante il miglioramento del fabbisogno di cassa, l'indebitamento si collocherà tra il 5 e il 6 per cento del Pil, a causa della sentenza Iva, dei debiti Tav e del deficit generale, con una spesa corrente delle pubbliche amministrazioni, al netto delle uscite per interessi, che per l'eredità lasciata dal centrodestra ha raggiunto nell'anno appena concluso il livello più elevato dal 1980 (40,2 percento del Pil).

Inoltre, in risposta al commentatissimo post di ieri http://rinascitanazionale.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1307410 vorrei far notare come l'incremento del gettito si sia manifestato a partire da maggio e giugno e poi, in misura crescente, nei mesi successivi. Un fenomeno, questo, spiegato da Visco proprio con le misure prese e «con la fermezza dimostrata dal governo Prodi nel mettere fine alla politica dei condoni e nel perseguire la lotta all'evasione e all'elusione fiscale».

Un post molto articolato stavolta, che dovrebbe far riflettere, una volta per tutte, i miei amici pecoroni, i cittadini di Tocqueville e tutti quelli che hanno una visione distorta della realtà.

Grazie dell'attenzione.







permalink | inviato da il 4/1/2007 alle 11:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (109) | Versione per la stampa

3 gennaio 2007

LA CURA PRODI FUNZIONA: DEFICIT, CALO RECORD.

prodi padoa schioppa ANSA 370

C'è chi dirà, a quasi un anno di governo Prodi, che il merito di questo spetti rigorosamente a Berlusconi e Tremonti, un pò come ha fatto subito notare l'intelligente eurodeputato di Forza Italia, Renato Brunetta.

Eppure non sarà un caso, cari pecoroni di tutta Italia, che con voi al governo si siano registrati per 5 anni consecutivi i peggiori dati economici di sempre.

Ora invece, le cose stanno cambiando. L'economia italiana, portata quasi alla recessione economica dal governo Berlusconi, torna a crescere e questo grazie al lavoro di un grande economista di fama mondiale: Tommaso Padoa-Schioppa.
La gente ha sempre più fiducia nella nostra economia, guardando con molta più tranquillità al 2007 e quindi al futuro. Cresce insomma, l'ottimismo economico; inutile la campagna di disfattismo lanciata dal cavalier Bugiardoni. Gli italiani cominciano a sentire che l'aria sta cambiando.

Ed una volta che questa Finanziaria metterà i conti in ordine, risollevando le sorti della nostra amata patria, per la destra italiana non ci sarà più futuro. Ecco spiegato il tanto "accanimento" nei riguardi di una legge finanziaria equa, giusta e necessaria, che rimetterà in moto il "sistema Italia".

Notizia di ieri: record per il fabbisogno 2006 che si assesta a quota 35,2 miliardi di euro, quasi 25 in meno (-41%) rispetto ai 60 registrati nel 2005. Netta inversione di tendenza dopo tre anni di crescita consecutiva. Ma il ministro dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, pur definendo il risultato «molto positivo», invita a non abbassare la guardia, a non «allentare lo sforzo di risanamento dei conti pubblici». La politica di bilancio avviata dal Governo deve essere continuata con determinazione, al fine di sostenere in maniera strutturale la crescita del Paese». Il dato comunicato ieri dal Tesoro dunque supera ogni più rosea previsione: non solo il fabbisogno nel 2006 risulta quasi dimezzato rispetto all'anno precedente ma è migliore anche rispetto all'obiettivo del governo di 47,7 miliardi di euro fissato nella Relazione Previsionale e Programmatica di settembre (rivisto già in miglioramento rispetto ai 59 miliardi di euro che erano stati indicati nel Dpef).
Ovviamente niente buffonate in stile Berlusconi e repubblica delle bananas.
La serietà al governo è altra cosa.


La gente si chiederà come sia stata possibile un'inversione di tendenza cosi radicale. Presto detto: grazie al rigoroso controllo operativo della spesa effettuato a partire dal giugno 2006.

Ma ripeto, niente trionfalismi. Questo è un piccolo passo verso un' economia sana, forte e rispettosa dei parametri dell'Unione Europea, che porterà giovamento a tutti i cittadini italiani.
E di questo la destra italiana ha paura...paura di vedersi all'opposizione per parecchie legislature.


Grazie dell'attenzione.

AGGIORNAMENTO GRAZIE AL MIO AMICO GIANNI GUELFI http://gianniguelfi.ilcannocchiale.it/

2002 31,008 mld euro (pari a) 60.039 mila miliardi lire

2003 47,354 mld euro (pari a) 91.690

2004 49,903 mld euro (pari a) 96.627

2005 60,036 mld euro (pari a) 116.245

2006 35,200 mld euro (pari a) 68.156

Leggete il suo articolo è fantastico. Fa notare che i primi 4 anni berlusconiani sono stati targati dal famoso motto "meno tasse per tutti"...e l'Italia in caduta libera...pecoroni sveglia!






permalink | inviato da il 3/1/2007 alle 11:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (65) | Versione per la stampa

2 gennaio 2007

L'ITALIA CONTRO LA PENA DI MORTE.



L´Italia chiederà all´assemblea generale dell´Onu la moratoria della pena di morte. Lo afferma un breve comunicato di palazzo Chigi, nel quale si legge: «Il Presidente del Consiglio e il Governo si impegnano ad avviare le procedure formali, coinvolgendo in primis i paesi già sottoscrittori della dichiarazione di dicembre, perché questa Assemblea Generale delle Nazioni Unite metta all'ordine del giorno la questione della moratoria universale sulla pena di morte».

Un'ottima iniziativa che, grazie al governo di centro-sinistra, guidato da  Romano Prodi, riporta l'Italia, dopo 5 anni di servilismo USA targato Berlusconi, al centro dello scacchiere internazionale e che ha già visto nella pace in Libano una grande vittoria italiana.

Inoltre vorrei sottolineare, non so forse sarà un caso, che dopo quasi un anno di governo Prodi, i cittadini guardano con fiducia al 2007 e quindi al futuro. Cresce l'ottimismo economico: il saldo fra aspettative positive e negative, tornato sopra lo "zero" un anno fa, sale oggi a +20. Il quadro nazionale è destinato a migliorare, secondo la maggioranza delle persone, con ricadute positive anche sulle finanze individuali (+15). Aspettative positive si riscontrano anche in materia di ordine pubblico (+18), di lotta all'evasione (+30), di trasparenza nel mondo del pallone (+20).

Insomma, come ho scritto in un mio post passato http://rinascitanazionale.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1304635  il 2007 sarà, grazie all'operato del governo di centro-sinistra, l'anno della svolta, dello sviluppo economico, culturale e sociale del Paese.

SI COMINCIANO A SENTIRE GLI EFFETTI DELLA CURA PRODI.
SERIETA' AL GOVERNO.




permalink | inviato da il 2/1/2007 alle 14:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (29) | Versione per la stampa

1 gennaio 2007

IL PRESIDENTE DI TUTTI GLI ITALIANI



Ieri, anche RinascitaNazionale, dichiarava: "Mi auguro, inoltre, che il 2007 sia molto più corretto, politicamente parlando. Basta insulti o roba del genere."

Ebbene, Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, durante il suo primo discorso di fine anno agli italiani, in diretta tv su tutti i canali nazionali in chiaro e satellitari, ha parlato di dialogo e confronto. Leggiamo insieme:
«Le diversità anche decise non devono preoccupare. Ma è importante che vi sia più dialogo, più ascolto reciproco, tra gli opposti schieramenti. Non abbracci confusi, ma nemmeno guerre come tra nemici piuttosto che polemiche fra avversari». Il rischio, ha aggiunto, è quello di allontanare i cittadini dalla politica e di qui l'invito diretto agli italiani, soprattutto ai giovani, a non farlo. Il Capo dello Stato ha rinnovato così l'appello di questi mesi e ha spiegato che intende «testardamente» continuare a ripetere «ai protagonisti della vita politica a nome dei cittadini. È possibile creare anche in Italia il clima che già esiste «in grandi paesi democratici in politica e nelle istituzioni». Ma perchè il clima diventi più sereno, il Presidente ha ribadito l'invito a varare una legge elettorale nuova: «Si ricerchi pazientemente l'accordo su meccanismi elettorali che rendano più lineare e sicura la formazione delle maggioranze chiamate a governare il Paese».

Un Presidente della Repubblica che tanti elettori, della destra illiberale ed antidemocratica, insultano, arrivando ad affermare di non volerlo riconoscere come tale.
Il motivo? Perchè è comunista!
Risposta che veramente non ha bisogno di repliche.
Vergognarsi, punto e basta. Questo dovrebbero imparare a fare.

Napolitano si sta dimostrando un grandissimo presidente della Repubblica, un degno erede di Pertini (non è un caso che con entrambi è stata vinta la coppa del mondo!), onesto, corretto e soprattutto rispettoso nei riguardi della Costituzione Italiana. TUTTA.

Infine, dopo aver parlato di Medio Oriente, Iraq e pace nel mondo, arriva il momento più bello del discorso, durante il quale manda gli auguri a tutti i bambini italiani: «Buon anno dunque a voi tutti, alle vostre famiglie - ha concluso il presidente -, e in modo particolarmente affettuoso, anche da nonno, se mi permettete, ai bambini che ci circondano. Ne incontro molti, al Quirinale e nelle città: e sono sempre una fonte fresca di gioia e di speranza. È pensando a loro che dobbiamo saper guardare lontano, saper guardare consapevolmente al futuro. Grazie, e ancora auguri».

Inoltre, Napolitano afferma, durante la sua visita a Napoli di stamane:"bisogna fare politica pulitamente".
Credimi, è il mio principio guida da quando faccio politica. E continuerò sempre a seguire queste tue parole. Grazie per averlo ricordato a chi non sembra ricordarlo mai.

Plausi da tutto lo schieramento di centro-sinistra, da Prodi in particolare.
Quanto all'opposizione non risponde positivamente all'invito del presidente Napolitano. Anzi, il capogruppo di An Matteoli dice che un dialogo sulle riforme sarà possibile solo con un governo diverso da quello attuale, un governo "di transizione".

Insomma, la destra populista non sembra aver recepito le parole di Napolitano.




permalink | inviato da il 1/1/2007 alle 15:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

IL MIO CREDO - I MIEI VALORI
Anpi
Resistenza Italiana
***
***
***
OFFICINA DEMOCRATICA
RinascitaNazionale
LouMogghe
EclissiDiSole
EmaeTizi
GianniGuelfi
CastenasoForever
Andryyy
LopinioneDiFabio
Erlkonig
ParteAttiva
Pistorius
Tilt64
PoliticaOggi
***
***
***
IO E LA POLITICA
Antonio Di Pietro
La Mia Lista Elettorale
Idv Lazio
Il Mio Municipio (XV°Roma)
***
***
LE MIE LETTURE
La Repubblica
Corriere della Sera
L'Unità
L'Espresso
Marco Travaglio
Viva Marco Travaglio
Lav
Corrado Guzzanti
Beppe Grillo
***
***
BLOG CONSIGLIATI
MaiDireVideo
LoScarabocchioComicomix
IlPopoloSovrano
Democonvinto
TerrorPilots
Tisbe
Daw
MarioAdinolfi
IlBlogDiLameduck
IoTocco
DariosBlog
TestamentoDiUnBuffone
LineaGoticaFight
M1979
RizzoCitizen
Psiche&Soma
IlRock
Trashopolis
Politbjuro
InRilievo
AlessioinAsia
LaPennaCheGraffia
IlRusso
Ciclofrenia
ValentinoPiglionica
TimoteoCarpita
BiancaBerardicurti
SonoLaico
QualcosaDiRiformista
Valigetta
GaetanoAmato
ErmannoLombardo
Santilli
StefanoMentana
GBestBlog
Alsom
Fradik
IlCogito
LuigiRossi
RossoAntico
ECarta
BadKlaus
DanieleSorelli
Triton
Zenigada
PennaRossa
NuovaLibertalia
IdeaTeatro
Costantinopolis
TgWeb
MatteoMacchia
PerSbaglio
Collettivo-Carrara
IlMale
Illaicista
WatchDogs
Slasch16
FestadAprile
GDFollonica
PausaCafè
DjSeven
LazzaroBlu
Rojarosevt
FreeVoice
StefanoSoro
nnhocapito
Blues-Vince
WinstonSmith
Notes-Bloc
Zadig
Comunicando
Eye
AndreadiDue
ChiTifaItaliaVotaNO
Image
CampidoglioPulito
LiberolAnima
Sciacc
Minima_Moralia
Candalu
Myrrdin
NicoBlog
ManuBlog
Venere
***
***
***
I MIEI ARTICOLI/POST MIGLIORI
Il primo post
Il candidato municipale (io)
Campioni del mondo
Per una notte capo-ultrà
Taxi? No, grazie
GenerazioneU
Quando ho sbugiardato Fini
Il primo girotondo fascista
Gli auguri a Berlusconi? Mai
La prima finanziaria di Prodi
La sindrome dei comunisti
Lista Civica Roma per Veltroni
OfficinaDemocratica
Worldwide press freedom
L'Eredità di Berlusconi
Manifestazioni poco riuscite
Gli italiani? Superficiali
Il malore di Berlusconi
L'Adunata fascista-forzista
Il ritorno dei pecoroni
L'Italia che sarà, grazie Prodi
Contro i commercianti
Eccoli, i fascisti
Diliberto VS Berlusconi
Sulle dimissioni di Prodi
Il male minore
La fiducia a Prodi
I miei amici fascisti-forzisti
La differenza tra noi e loro
Er pecora
Chi evade le tasse
Contro il fascismo e il neofascismo
Qualcosa cambia
La quiete dopo la tempesta
La guerra ed il lavoro
IL 25 aprile
Il conflitto d'interessi
Sulla vittoria di Sarkozy
Antifascista
Successo per RinascitaNazionale
Coraggio laico
Silvio, il cattolico
Coerenza e Berlusconi
IL 2 giugno in Italia
Bush a Roma
Fate piangere gli evasori
L'uomo nuovo
La violenza squadrista
Berluscagate
Lo scontrino fiscale
La nave ed il timone
Eccoli, gli evasori fiscali
L'arte del chiagni e fotti
Contro i rigurgiti di fascismo
Io, come Giorgio Bocca
Gli stranieri e lo scontrino fiscale
Berlusconi e la libertà
Io non posso entrare
Lettera a Bossi
L'incoerenza di Fini
V-day: io c'ero
Italia, paese dei furbi
Un prodiano convinto
La seconda Finanziaria di Prodi
L'informazione in Italia
Per non dimenticare
Se non li conoscete
Tra pecorones e democratici
Boia chi molla?
IL Vaticano veste Prada
La rinascita di Kilombo
Ciao, Enzo Biagi



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     dicembre        febbraio