.
Annunci online

RinascitaNazionale
Blog della sinistra italiana, Patriottica e Partigiana (a cura di Claudio Barocci)
 
 
 
 
           
       




Google





SCAMBIO LINK (clicca qui)

NUOVO FORMAT: ARTICOLI UNICI































"LA REPUBBLICA ITALIANA E' FONDATA SUI VALORI DELLA RESISTENZA PARTIGIANA".

"L'AMOR PATRIO E' SEMPRE APPARTENUTO ALLA SINISTRA ITALIANA: DAL RISORGIMENTO ALLA RESISTENZA".


Una d'arme, di lingua, d'altare,
di memorie, di sangue e di cor.

(A. Manzoni, Marzo 1821)



Qui si fa l'Italia o si muore!












"GRAZIE EROI DELLA PATRIA"



 
25 giugno 2009

10.50%

 

Sono mancato per molto tempo, è vero. Ma come avete potuto immaginare, mi sono adoperato in maniera significativa e decisiva per ottenere un qualcosa di imprevedibile. E' con enorme soddisfazione, infatti, che il coordinatore municipale del XV municipio dell'IDV (ovvero il sottoscritto) comunica a lor signorie il risultato raggiunto dal mio partito nella zona di mia competenza: 10.50%! Se l'8% a livello nazionale è già di per se da considerarsi un ottimo successo, figuriamoci questo mirabolante risultato. Tanti banchetti, tanti eventi, tanti dibattiti politici, tanti incontri, sempre insieme e per la gente della mia zona. Ora il nostro obiettivo è continuare a crescere, stare vicino alle persone, fare politica e continuare la nostra lotta contro Berlusconi, a favore della legalità, della giustizia, della difesa dei valori democratici e antifascisti, per un informazione libera e contro qualsiasi scempio morale di cui il premier  si sta rendendo sempre più protagonista. Noi ci siamo. Come sempre, pronti per resistere, fino alla fine.


7 luglio 2008

VOGLIONO CANCELLARE LA STORIA E LA RESISTENZA


 
Il governo Berlusconi, oltre che occuparsi dei problemi giudiziari del suo leader, realizzando norme ad hoc per evitargli qualsiasi tipo di processo che lo vede coinvolto (bloccando, a discapito dei cittadini italiani onesti, migliaia di procedure giudiziarie per stupro, furto, sequestro, corruzione, rapina etc etc), ha deciso di scagliarsi pesantemente contro la Resistenza italiana: nello specifico, attraverso il decreto legge n. 112 del 25 giugno 2008, si prevede nel suo articolo 26 la soppressione degli enti inutili fra i quali dovrebbe o potrebbe essere incluso, come segnalato e denunciato in questi ultimi giorni dalla stampa, anche il Museo storico della Liberazione di via Tasso in Roma. Non è inoltre escluso che altri enti e strutture dediti alla custodia e alla valorizzazione della memoria della Resistenza e dell’antitotalitarismo possano essere compresi nella suddetta soppressione. L'Anpi (Associazione nazionale partigiani d'Italia, di cui faccio parte) giustamente in un suo comunicato fa notare: "non è ammissibile e rappresenterebbe un vulnus gravissimo alla storia, alla dignità e all’essenza democratica del nostro Paese un provvedimento di tale natura, anche se esso si risolvesse non nella soppressione del Museo (ed eventualmente di altri enti e strutture analoghe) ma in un mutamento della sua gestione che ne ridimensionerebbe l’attuale funzione testimoniale e didattica, come efficacemente evidenziato dal suo direttore, prof. Antonio Parisella" (qui troverete l'intero documento). Caro Brunetta, prima di definire "inutili" luoghi di memoria di tale importanza, le consiglio di visitarli personalmente: ci sono scritte fatte con le unghie da tanti italiani condannati a morte dalla dittatura nazi-fascista. Vada a vedere di cosa si tratta, poi magari si accorgerà del grave errore che sta compiendo. La storia non si cancella. La Resistenza non si tocca.


26 maggio 2008

L'INTOLLERANZA FASCIO-FORZISTA

E' risaputo: l'intera campagna elettorale del Popolo delle Libertà è stata caratterizzata dall'odio per il diverso: innumerevoli, infatti, le dichiarazioni di Berlusconi e Bossi (e non solo) contro immigrati, extracomunitari, romeni, omosessuali, atei e gli irrinunciabili "comunisti". Hanno parlato di ronde; hanno fomentato, attraverso i loro media, la società italiana verso l'odio e la giustizia fai da te; e questi, purtroppo, sono i risultati della loro politica: raid neonazista al Pigneto contro immigrati regolari. Ed il sindaco Alemanno dove sta? Questa sarebbe la sua concezione di sicurezza tanto "blaterata" in campagna elettorale? Invece di pensare alla teca dell'Ara Pacis o alle strade da dedicare ad Almirante e Craxi, perchè non pensa a queste problematiche ben più importanti? Grazie.


2 maggio 2008

RICOMINCIARE DAI VALORI DEL 25 APRILE


 
Ricominciare dai valori del 25 aprile: questo deve essere il futuro del Partito Democratico e, più in generale, della sinistra democratica in Italia. Ricominciare da quegli ideali che hanno costituito la base della convivenza civile dopo il ventennio di dittatura fascista: la libertà, l'uguaglianza, la giustizia e la democrazia. Perchè oggi, troppo spesso, la società si dimentica di suddetti valori che sono alla base della nostra Costituzione, fondata sul sacrificio di migliaia di eroi partigiani e, purtroppo, allo stesso tempo, rimangono i tentativi di sminuire e infangare la storia della Resistenza, cercando di equiparare i "repubblichini", sostenitori dei nazisti, ai partigiani e ai combattenti degli eserciti alleati. Si parla di tasse, di inflazione, di "monnezza" ma ci si dimentica di quei valori senza i quali non si potrebbe neanche discutere di tali problematiche. Guardare ai valori del passato, appartenenti al movimento partigiano e democratico, per diffonderli ed adattarli alla società italiana contemporanea. Se andiamo avanti per questa strada non si potrà mai sbagliare, lo dice la storia. Anchè perchè non vorrei mai più vedere queste scene: fascisti, con tanto di saluto romano, in Campidoglio. "Roma città Aperta" rifiuta i fascisti. Inoltre, come avrete potuto notare, è online il mio nuovo video sulla manifestazione antifascista "Anpi" del 25 aprile 2008 a Roma, festa della Liberazione. Restiamo uniti e ricominciamo da quella splendida giornata di sole, da quella giornata cosi antifascista e democratica.


11 ottobre 2007

QUANDO VI DICO CHE IN ITALIA E' PIENO DI FASCISTI

<b>Roma, Fini e il saluto romano<br>Giallo sul manifesto a braccio teso</b>

Sono parecchi mesi che nel mio blog mi sto occupando di un grave problema tutto italiano : il ritorno dei fascisti, usciti nuovamente dalle fogne.
Dopo gli ultimi  gravissimi episodi dei mesi scorsi, è notizia di oggi di alcune foto che ritraggono alcuni giovani italiani di Bolzano (di lingua tedesca) nei campi di concentramento SS; foto scattate per farsi ritrarre con l'accendino sotto le immagini delle sinagoghe bruciate o per farsi immortalare con la mano tesa e con magliette raffiguranti mitra o scritte del tipo "criminali convinti". Qui troverete le foto del 'turismo dell'Olocausto'.
Vorrei condannare apertamente tali foto vergognose, fatte da gente che forse non ha niente da fare nella vita, priva di veri ideali, che non sa il significato della vita e della morte, non sa cosa sia il rispetto delle persone e si pensa "grande" indossando magliette con svastiche o mostrandosi in foto mentre fa il saluto fascista. La gente di destra, i miei amici pecorones, i colleghi blogger del Giulivo e di Tocqueville chiuderanno gli occhi anche questa volta? La vogliamo fare una condanna tutti quanti insieme si o no? O anche questa volta fate finta di niente?

Inoltre, oggi, Roma si è svegliata con numerosi poster raffiguranti un Gianfranco Fini molto più giovane, che tende il braccio nel saluto romano.
Più in basso una grande scritta: "Gianfranco Fini: una garanzia ideale e politica". E' giallo sul manifesto che tappezza gran parte delle zone nord e centro di Roma. Un cartellone firmato da un inesistente "Centro Studi ideale e liberta" che raffigura il leader di An in quello che sembra un saluto fascista (qui le foto). Fini parla di "cazzata" e c'è chi ci vede lo zampino di Storace. Staremo a vedere. Spero veramente in uno scherzo. Lo spero.

Purtroppo, mentre la sinistra litiga, i fascisti ritirano su la testa.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma foto fini fascisti poster

permalink | inviato da RinascitaNazionale il 11/10/2007 alle 16:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (142) | Versione per la stampa

8 settembre 2007

OGGI TUTTO IL GIORNO PER LE VIE DI ROMA...

Iscriviti al Vaffanculo Day

Era una promessa di inizio luglio ed oggi, è giusto che io la mantenga: andrò al V-Day di Beppe Grillo e firmerò tutto quello che ci sarà da firmare. In parole povere andrò a manifestare per ottenere:

1) NO AI PARLAMENTARI CONDANNATI
No ai 25 parlamentari condannati in Parlamento - Nessun cittadino italiano può candidarsi in Parlamento se condannato in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale

2) DUE LEGISLATURE
No ai parlamentari di professione da venti e trent'anni in Parlamento - Nessun cittadino italiano può essere eletto in Parlamento per più di due legislature. La regola è valida retroattivamente

3) ELEZIONE DIRETTA
No ai parlamentari scelti dai segretari di partito - I candidati al Parlamento devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta

Qui trovate il sito ufficiale di Grillo  sul V-day
Qui trovate le varie zone d'Italia interessate dal mega-evento popolare

Perchè io le promesse le mantengo sempre, e vorrei che anche gli altri lo facesssero.
Questione di coerenza. Inoltre spero in una partecipazione dei miei amici forzisti e fascisti, anche se loro sono abituati a fare solo quello che il padrone gli comanda. 

Ovviamente, questa sera parteciperò alla
Notte Bianca, un evento straordinario organizzato come sempre dal Comune di Roma (ci saranno centinaia di eventi da vedere, dovrò soltanto scegliere quali).

Oggi Roma diventerà la culla della partecipazione popolare e della cultura.


25 luglio 2007

SCRITTE INNEGGIANTI A ERICH PRIEBKE A ROMA, IL BOIA DELLE FOSSE ARDEATINE: VERGOGNA!



Uno striscione di colore bianco con una scritta nera ed una rossa inneggianti all'ufficiale delle Ss Erich Priebke e con il disegno di una croce celtica è stato affisso in piazza Irnerio, poco distante dall'abitazione dello stesso Priebke. Le due scritte sono comparse ai lati della croce celtica, una recita: "Onore a Priebke"; l'altra è "Arde ancora il sacro fuoco dei vinti".
Ma il sottoscritto, non si meraviglia più: siamo tutti abituati
, ormai, a vedere alle manifestazioni della destra italiana bandiere con croci celtiche, saluti romani, bandiere e camicie nere; ad ascoltare inni fascisti, grida e i vari "A noi". Vi ricordate cosa successe a Napoli nell'aprile del 2006? Vi rinfresco la memoria (cliccate qui). Ho addirittura scoperto un prete che inneggia alla violenza e alla crociata (sue letture? l'autobiografia di Priebke, che non considera un boia, anzi...); cantano l'inno di Mameli, ma per quale motivo? Il fascismo è stato il male assoluto per la nostra amata Patria e cantano il canto di tutti quegli italiani che si sacrificarono per fare l'Italia e per difenderla e liberarla dai nazi-fascisti. Come si permettono questi personaggi qua, a dichiararsi difensori della Patria?! Su quali basi si permettono di disonorare la storia d'italia?
Mi domando come possa un cittadino serio e intelligente votare per una coalizione al cui interno ci sono personaggi che si dichiarano fascisti nel vero senso della parola. Come è possibile? Chi sono? Ma da dove sono usciti?
Stavano in un "angoletto", nelle fogne, ed invece, Silvio Berlusconi li ha sdognati, come ha sdoganato i leghisti, ovvero quelli che vogliono l'indipendenza della Padania
(di cosa? e cosa penseranno di questo sogno quelli che cantano l'inno di Mameli a mano tesa?". Ma un briciolo di coerenza e di onestà intellettuale potrà mai albergare in questi personaggi?
Ritornando al "fattaccio" di ieri, il sindaco di Roma Veltroni ha espresso «la più profonda indignazione per le intollerabili scritte deliranti comparse su uno striscione e inneggianti a Erich Priebke. Si tratta di un atto vergognoso che la città condanna e ripudia con fermezza e che offende la memoria delle vittime delle Fosse Ardeatine e di tanti cittadini romani, ancora oggi costretti a subire le dolorose conseguenze degli atti di cui quest'uomo è stato riconosciuto colpevole».  Colpevole non per tutti; ed è questo che fa pensare; come fa a ricevere atti di stima un criminale di tale fattura? Ma dico io, stiamo scherzando?
«L'Amministrazione sta provvedendo all'immediata rimozione del vergognoso striscione - ha aggiunto Veltroni - Chi lo ha scritto e affisso sappia che Roma non tollera atti di questo tipo, che contrastano con lo spirito con il quale in questa città stiamo cercando di costruire la memoria di quel periodo, che rappresenta la pagina più buia della storia recente - ha aggiunto il sindaco - Anni in cui la follia nazifascista provocò la morte di tante persone innocenti e rispetto alla quale da parte di Erich Priebke non c'è mai stata neanche una parola di pentimento per il male di cui si è macchiato».

ORA E SEMPRE RESISTENZA


29 giugno 2007

TORNA LA VIOLENZA SQUADRISTA


 
E'ovvio: c'è il leader dell'opposizione che stravede per queste forze di estrema destra, caratterizzate da quel culto della personalità che fanno sentire Berlusconi il nuovo Duce d'Italia.
Ci dialoga, ci fa le manifestazioni insieme e ci fa pure un'alleanza elettorale.


Non stiamo parlando dei partiti della destra italiana, quelli populisti, made in Libero, rappresentati da ForzaItalia e AlleanzaNazionale: stiamo parlando dei partiti neo-fascisti, quelli che non dovrebbero neppure esistere vista la loro incostituzionalità. Ma Berlusconi se ne frega, e ci va a braccetto, sempre, in ogni occasione.
E purtroppo ieri sera, queste forze neofasciste, si sono sentite autorizzate a fare un irruzione a Villa Ada, a Roma, al termine del concerto rock del gruppo «Banda Bassotti», avventandosi con dei bastoni contro alcuni ragazzi. Il bilancio dell'aggressione, sembra di matrice politica, è di due feriti. Una spedizione punitiva, compiuta da militanti - circa 150, raccontano i testimoni - del movimento di estrema destra, che si sono presentati in colonna gridando "Duce! Duce!", con i volti coperti da caschi, armati di bastoni, catene e coltelli (proprio come i black bloc!!!)
A scatenare il panico tra le persone presenti al concerto, inserito nella manifestazione «Roma incontra il mondo», è stato anche il lancio di alcuni petardi. Gli aggressori, che urlavano slogan di destra, si sono avventati sulla folla «classificata come comunista» colpendo chiunque capitasse loro a tiro. Pestaggi e scontri sono proseguiti anche all'arrivo piuttosto immediato delle forze dell'ordine. Il tutto è accaduto attorno all'una della notte. Si sono scagliati pure contro le forze dell'ordine: chissa i miei amici della destra cosa diranno.
I due feriti sono due ragazzi romani e per uno dei due è stato necessario il ricovero all'ospedale Sandro Pertini con una prognosi di 20 giorni a causa di alcune ferite di arma da taglio.

Condanna  da parte del sindaco di Roma Walter Veltroni: «Il nostro Paese non ha certo bisogno di fatti come quelli accaduti a Villa Ada. Un fatto ignobile per il quale ci adopereremo per consegnarne i responsabili alla giustizia»

Grazie Walter, ma ricordati che ci sono persone della destra cosidetta "liberale" che giustificano questi partiti neo-fascisti, e ci fanno pure le alleanza elettorali, figurati.
Purtroppo la destra populista  parla di vetrine rotte e scritte sui muri, dimenticandosi però, di chi al grido di "duce duce", accoltella dei coetanei che stanno guardando un concerto musicale.

VERGOGNA

(qui trovate il resoconto della triste serata)


8 giugno 2007

BUSH A ROMA. NON DIAMOLA VINTA ALLA DESTRA POPULISTA ED ILLIBERALE: NIENTE SCONTRI MA TANTE RAGIONI



Stasera, il peggior presidente della storia Usa arriverà in visita ufficiale a Roma, creando non pochi "grattacapi" alla cittadinanza romana. Roma è blindata: mezza città è chiusa al traffico, compreso il quartiere di Trastevere che sarà visitato dal capo della Casa Bianca; circa 10 mila gli agenti delle forze dell'ordine; aeroporti, viabilità, trasporti pubblici, mercati, scuole saranno coinvolte nel piano di sicurezza. Roma diventerà una città paralizzata a tutti gli effetti.

Ma a parte questo inconveniente cittadino, il vero problema della visita di Bush a Roma, è politico.
Politico soprattutto per la maggioranza di governo, in quanto, come è noto, gli esponenti della sinistra radicale (ComunistiItaliani, RifondanzioneComunista, Verdi, SinistraDemocratica, a titolo personale) hanno intenzione di partecipare, giustamente, alla manifestazione di Piazza del Popolo: dalle 15 ci sara' un Happening promosso da Arci, Associazione per la pace, Fiom-Cgil, Forum Ambientalista, Libera, Un ponte per, Statunitensi per la pace e la giustizia, Unione degli Studenti, Unione degli Universitari, Transform Italia, Lavoro e Societa'-Cgil. Aderiscono fra gli altri: Coordinamento Comitati Cittadini No dal Molin, Legambiente, Arci Gay, Donne in Nero, Terres des Hommes, Ebrei contro l'occupazione, Coordinamento Italiano Solidarieta' Donne Afgane, Rete degli Studenti e come abbiamo già detto, il Partito della Rifondazione Comunista- Sinistra Europea, Partito dei Comunisti Italiani, Uniti a Sinistra e i Verdi. Sul palco si alterneranno gruppi musicali e interventi di ospiti italiani e internazionali a partire dalle ore 16.30. La conclusione della manifestazione e' prevista per le 23.00.

Di tutt'altra fattura, sarà la manifestazione che partirà da Piazza della Repubblica per concludersi in Piazza Navona guidata dallo striscione che aprirà la manifestazione “NoBush-No War-No alla politica di guerra del governo Prodi” promossa dai centri sociali e dai "no-global" (sinistra anti-governativa): questi faranno presente, spero pacificamente, la responsabilità del governo italiano nella guerra permanente, responsabilità che in questi mesi sono state condivise dai partiti di governo su scelte decisive come la missione militare in Afghanistan, la base Usa a Vicenza, l’incremento delle spese militari, l’adesione in segreto dell’Italia allo Scudo missilistico USA, l’assemblaggio in Italia dei caccia F 35 statunitensi: tutte considerazioni giuste, ma che non devono passare dalla parte del torto, per gli insensati scontri e tafferugli che spero vivamente non ci siano. Penso che le vostre idee e i vostri principi siano giustificati, ma la manifestazione deve essere PACIFICA , altrimenti le vostre ragioni saranno oscurate dalla violenza e dalla stupidità di qualche solito facinoroso.

Inoltre un invito che faccio a tutti i membri dell'esecutivo italiano: non partecipate a nessuna manifestazione.
Ascoltate le parole di Romano Prodi"Alle manifestazioni non ci devono essere né ministri né sottosegretari. Non si può ricevere il presidente Usa e poi andare a manifestare contro di lui". "Soprattutto - si è raccomandato - evitate tutti di farvi coinvolgere in situazioni violente". Sarebbe diplomaticamente ingestibile - ripetono a palazzo Chigi - una situazione in cui un esponente del governo o un leader della coalizione venga coinvolto in qualche tafferuglio.
Il risvolto "parlamentare", poi, va tenuto presente. Forse è quello più delicato. Un altro dibattito al Senato diventerebbe insostenibile. La vogliamo dare vinta per l'ennesima volta al Calderoli di turno, che già si sfregola le mani ("non si salveranno") ?. Un'eventualità in qualche modo augurata da tutta la Casa delle libertà. I loro riflettori, allora, sono puntati sui "big" della sinistra radicale. Eh già, perché se non i membri dell'esecutivo di certo i leader politici di Prc, Pdci, e Verdi al corteo di Piazza del Popolo ci saranno.

Ma io vi chiedo, esponenti del governo Prodi, non fate l'errore di darla vinta alla destra illiberale. Capisco che la voglia di manifestare sia tanta, ma la responsabilità di governo è altra cosa. Avete il diritto di manifestare, senza duddio, ma avete il dovere di non creare problemi al governo che milioni di cittadini hanno fatto vincere alle elezioni politiche dello scorso anno. Quindi, non state al gioco di Calderoli che dice:"tanto sabato scoppierà un bel casino e la prossima settimana torniamo tutti al Senato a vedere se il governo regge sulla politica estera" oppure  "I cortei contro il presidente americano ci daranno un mano. E se c'è qualche incidente, voglio vedere come si salverà Prodi...".

Questa volta non dobbiamo far sfruttare alla destra populista nessun nostro errore.
E' un dovere che vi spetta e un diritto che appartiene al popolo di centro-sinistra che vi ha votati.













 

Ultime cose
Il mio profilo

IL MIO CREDO - I MIEI VALORI
Anpi
Resistenza Italiana
***
***
***
OFFICINA DEMOCRATICA
RinascitaNazionale
LouMogghe
EclissiDiSole
EmaeTizi
GianniGuelfi
CastenasoForever
Andryyy
LopinioneDiFabio
Erlkonig
ParteAttiva
Pistorius
Tilt64
PoliticaOggi
***
***
***
IO E LA POLITICA
Antonio Di Pietro
La Mia Lista Elettorale
Idv Lazio
Il Mio Municipio (XV°Roma)
***
***
LE MIE LETTURE
La Repubblica
Corriere della Sera
L'Unità
L'Espresso
Marco Travaglio
Viva Marco Travaglio
Lav
Corrado Guzzanti
Beppe Grillo
***
***
BLOG CONSIGLIATI
MaiDireVideo
LoScarabocchioComicomix
IlPopoloSovrano
Democonvinto
TerrorPilots
Tisbe
Daw
MarioAdinolfi
IlBlogDiLameduck
IoTocco
DariosBlog
TestamentoDiUnBuffone
LineaGoticaFight
M1979
RizzoCitizen
Psiche&Soma
IlRock
Trashopolis
Politbjuro
InRilievo
AlessioinAsia
LaPennaCheGraffia
IlRusso
Ciclofrenia
ValentinoPiglionica
TimoteoCarpita
BiancaBerardicurti
SonoLaico
QualcosaDiRiformista
Valigetta
GaetanoAmato
ErmannoLombardo
Santilli
StefanoMentana
GBestBlog
Alsom
Fradik
IlCogito
LuigiRossi
RossoAntico
ECarta
BadKlaus
DanieleSorelli
Triton
Zenigada
PennaRossa
NuovaLibertalia
IdeaTeatro
Costantinopolis
TgWeb
MatteoMacchia
PerSbaglio
Collettivo-Carrara
IlMale
Illaicista
WatchDogs
Slasch16
FestadAprile
GDFollonica
PausaCafè
DjSeven
LazzaroBlu
Rojarosevt
FreeVoice
StefanoSoro
nnhocapito
Blues-Vince
WinstonSmith
Notes-Bloc
Zadig
Comunicando
Eye
AndreadiDue
ChiTifaItaliaVotaNO
Image
CampidoglioPulito
LiberolAnima
Sciacc
Minima_Moralia
Candalu
Myrrdin
NicoBlog
ManuBlog
Venere
***
***
***
I MIEI ARTICOLI/POST MIGLIORI
Il primo post
Il candidato municipale (io)
Campioni del mondo
Per una notte capo-ultrà
Taxi? No, grazie
GenerazioneU
Quando ho sbugiardato Fini
Il primo girotondo fascista
Gli auguri a Berlusconi? Mai
La prima finanziaria di Prodi
La sindrome dei comunisti
Lista Civica Roma per Veltroni
OfficinaDemocratica
Worldwide press freedom
L'Eredità di Berlusconi
Manifestazioni poco riuscite
Gli italiani? Superficiali
Il malore di Berlusconi
L'Adunata fascista-forzista
Il ritorno dei pecoroni
L'Italia che sarà, grazie Prodi
Contro i commercianti
Eccoli, i fascisti
Diliberto VS Berlusconi
Sulle dimissioni di Prodi
Il male minore
La fiducia a Prodi
I miei amici fascisti-forzisti
La differenza tra noi e loro
Er pecora
Chi evade le tasse
Contro il fascismo e il neofascismo
Qualcosa cambia
La quiete dopo la tempesta
La guerra ed il lavoro
IL 25 aprile
Il conflitto d'interessi
Sulla vittoria di Sarkozy
Antifascista
Successo per RinascitaNazionale
Coraggio laico
Silvio, il cattolico
Coerenza e Berlusconi
IL 2 giugno in Italia
Bush a Roma
Fate piangere gli evasori
L'uomo nuovo
La violenza squadrista
Berluscagate
Lo scontrino fiscale
La nave ed il timone
Eccoli, gli evasori fiscali
L'arte del chiagni e fotti
Contro i rigurgiti di fascismo
Io, come Giorgio Bocca
Gli stranieri e lo scontrino fiscale
Berlusconi e la libertà
Io non posso entrare
Lettera a Bossi
L'incoerenza di Fini
V-day: io c'ero
Italia, paese dei furbi
Un prodiano convinto
La seconda Finanziaria di Prodi
L'informazione in Italia
Per non dimenticare
Se non li conoscete
Tra pecorones e democratici
Boia chi molla?
IL Vaticano veste Prada
La rinascita di Kilombo
Ciao, Enzo Biagi



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     aprile        luglio