.
Annunci online

RinascitaNazionale
Blog della sinistra italiana, Patriottica e Partigiana (a cura di Claudio Barocci)
 
 
 
 
           
       




Google





SCAMBIO LINK (clicca qui)

NUOVO FORMAT: ARTICOLI UNICI































"LA REPUBBLICA ITALIANA E' FONDATA SUI VALORI DELLA RESISTENZA PARTIGIANA".

"L'AMOR PATRIO E' SEMPRE APPARTENUTO ALLA SINISTRA ITALIANA: DAL RISORGIMENTO ALLA RESISTENZA".


Una d'arme, di lingua, d'altare,
di memorie, di sangue e di cor.

(A. Manzoni, Marzo 1821)



Qui si fa l'Italia o si muore!












"GRAZIE EROI DELLA PATRIA"



 
25 ottobre 2008

KILOMBO: CORNUTI E MAZZIATI



Cominciamo a espletare le nostre sensazioni da redattori entranti. Ci siamo candidati per offrire un servizio, per fare qualcosa per Kilombo, per risolvere alcune questioni e per stabilire regole incontrovertibili. Siamo arrivati in redazione consci che la situazione non era semplice e c'era da rimboccarsi le maniche. Ebbene...la situazione che abbiamo trovato è poco gratificante. Ci siamo ritrovati subito con un redattore che per problemi personali si è momentaneamente assentato( e giustamente), in piu' un redattore che è assente oramai da luglio (siamo a ottobre). Nonostante tutto di buona lena abbiamo iniziato a risolvere i problemi urgenti e a fare proposte per migliorare in senso democratico e partecipativo Kilombo. Eppure certe proposte sono state considerate piu' un problema che una risorsa. Noi stiamo cercando di portare un po' di legalità e legittimità di principio, e ci viene rinfacciato parlandoci di complicità con "chi vuole male a Kilombo". La procedura delle decisioni è la sua legittimità, eppure ancora non è chiaro questo concetto. Ci ritroviamo una redazione che fa fatica a deliberare con certezza poichè non abbiamo un metodo di voto insindacabile, ed una redazione rallentata da certe posizioni. Non solo...ci ritroviamo a dover sentire  insinuazioni e illazioni perchè chissà quale sarebbe il nostro obiettivo. E possiamo aggiungere: immaginiamo che in molti abbiano sentito redattori compiacersi per la buona gestione tecnica di kilombo. Noi abbiamo trovato una situazione insostenibile, con il sito non controllabile in modo adeguato dalla redazione, e con parti bloccate. E' stata una fortuna se abbiamo potuto riprendere la situazione per i capelli perchè ci mancava la gestione reale di kilombo. Ora abbiamo posto anche una questione su Kilombo Slow, progetto nato dentro kilombo.org a cui era stata chiesta una votazione generica al collettivo che rispose positivamente. Orbene, nel tempo questo progetto ha cambiato destinazione d'uso, decidendo di traslocare su una piattaforma esterna(Facebook)di cui non tutti hanno un account. Si è instaurato un comitato di redazione autoscelto e autogestito, SENZA ALCUN RAPPORTO CON KILOMBO.ORG. Ora su Facebook non partecipano solo utenti che rispettano la carta di Kilombo e i suoi principi, e non partecipano SOLO BLOGGER e gente di sinistra. Kilombo Slow è nato come costola di Kilombo, dentro Kilombo, diventa invece un progetto autonomo e indipendente senza che i kilombisti abbiano voce in capitolo. Noi abbiamo chiesto semplicemente che il comitato redazionale di Kilombo Slow possa essere votato DEMOCRATICAMENTE dal collettivo, poichè non hanno alcun onere nei confronti dei kilombisti nè di Kilombo, a differenza della redazione, visto che di onori su Facebook invece ce ne sono(visibilità con tanto di nome del fondatore e redattori di fronte ad una platea vastissima senza particolari responsabilità). Sapete cosa ci è stato risposto? CHE NOI VOGLIAMO DISTRUGGERE KILOMBO SLOW PERCHE' FUNZIONA, a differenza di Kilombo (eppure ci dicevano che si era lavorato bene...). Oltre ad essere lesivo della nostra dignità, è assolutamente falso, tanto che ci siamo candidati proprio nella speranza di cambiare rotta ad un progetto in difficoltà, ansimante. Ci siamo appena instaurati e abbiamo trovato problemi tecnici, problemi di comunicabilità , abbiamo RICEVUTO MINACCE DI QUERELA perchè volevamo rispettare la carta quanto piu' possibile seguendo le procedure, siamo considerati come coloro che vogliono creare problemi, e avere potere su Kilombo Slow se non distruggerlo (l'uno elimina l'altro però...), quindi non vi meravigliate se in futuro doveste dire cose di questo tenore su di noi e il nostro operato. Noi non vi convinceremo con le parole che siamo in buona fede e vogliamo solo AMPLIARE LA DEMOCRAZIA E LE BUONE REGOLE PER FAR FUNZIONARE KILOMBO, ma possibilmente con i fatti, e in particolar modo con i nostri blog, il nostro essere e sentire, le sensazioni che vi suscitano. Noi ci sentiamo in dovere di prendere le distanze da quanto sta accadendo e di PROTESTARE UFFICIALMENTE del fatto che le nostre discussioni interne di redazione sono state comunicate da qualcuno al comitato di Kilombo su Facebook, senza che ne abbiano titolo nè diritto. Prendiamo quindi anche le distanze da certi metodi e operati e faremo quanto ci è possibile per CONTINUARE dopo la protesta L'OPERATO CON L'OBIETTIVO DI TENTARE DI REALIZZARE QUEL PER CUI SIAMO STATI ELETTI, COINVOLGENDO I KILOMBISTI NELLE VOTAZIONI E NELLE SCELTE.

Ladytux
Rigitans'
Rinascita Nazionale


p.p.s.:
è stata anche inoltrata la proposta del blog redazionale di Kilombo ma la proposta è stata rigettata perchè viene considerato inutile esistendo il forum e Kilombo-Facebook, a nostro avviso invece sarebbe una risorsa in piu', un'opportunità per tenervi maggiormente informati e  coinvolgervi. Dopo il rigetto della proposta da parte di un redattore, avevamo proposto di chiedere a voi tramite sondaggio. Per ora pare che nemmeno questa soluzione sia gradita. Abbiamo infine decisione di porre la questione della votazione dei responsabili di Kilombo Slow facendo una discussione della durata di un mese per coinvolgere il collettivo e infine votare democraticamente in merito.


20 ottobre 2008

REDATTORE DI KILOMBO



Con 18 voti pari al 19.57% dei votanti, Claudio Barocci (RinascitaNazionale) è stato eletto nuovo redattore di Kilombo
(il metablog delle sinistre), insieme a Rigitans e Ladytux. Ho avuto già modo di leggere alcune proposte della neo-redattrice Ladytux che condivido in pieno. In primis, trovo che la nuova redazione debba cominciare il suo lavoro con un nuovo spirito (più collaborazione, più ironia e voglia di fare, meno litigate, "pippe mentali" e puntini sulle "i"); successivamente sarebbe ora che si riuscisse a fare qualcosa di concreto: per quanto riguarda una "definizione univoca di kilombo", per cui è bene che chi sia in Kilombo dichiari di essere di sinistra, e quindi antifascista, laico, pacifista, antirazzista e a difesa della Costituzione Italiana, non posso che trovarmi sulla stessa lunghezza d'onda (e il bannerino con tanto di definizione specifica dello status "kilombista" lo trovo più che appropriato). A chi non sta bene, un caloroso arrivederci: non sei di sinistra, non sei "adatto" per far parte di questa comunità dichiaratamente di sinistra. Giusto anche il "rimpinguamento dei kilombisti" e quindi cercare, tramite invito o cose simili, di attrarre quei blog che rispondono coerentemente allo spirito e agli ideali di Kilombo. Giustissimo far "aderire" Kilombo a quelle iniziative dichiaratamente di sinistra (per quanto mi riguarda cercherò di vagliare quelle di stampo antifascista, ma sarebbe bello che le proposte partissero anche dai kilombisti stessi). E che dire delle famose "birrette" per conoscerci di persona? Già do la mia più totale disponibilità. Insomma, queste sono alcune proposte di Ladytux che io sostengo ed appoggio, anche perchè mi sembrano quelle che più concretamente possono trovare piena realizzazione. In bocca al lupo a tutti i nuovi redattori...e che l'avventura abbia inizio. ORA E SEMPRE RESISTENZA.


3 novembre 2007

SOTTOSCRIZIONI PER RILANCIARE KILOMBO



Qualcosa comincia a muoversi nell'aggregatore Kilombo.
E sono convinto che un piccolo merito possa riconoscersi al post scritto da me nella giornata di ieri. Delle considerazioni e dei consigli che hanno trovato un sostegno inaspettato da parecchi kilombisti che non vogliono decretare la morte del noto aggregatore di sinistra e che anzi, hanno la voglia di ricostruirlo seriamente, una volta per tutte. Per questo, bisogna cominciare a muovere i primi passi, e per far questo, ho deciso di appoggiare la "mozione Tisbe", che prevede la raccolta di 27 sottoscrizioni per rinnovare, tramite elezioni democratiche, l'intera redazione di Kilombo (in pratica, quello che chiedevo nel post di ieri). Invito a diffondere tale raccolta firme.

Per ora hanno firmato Tisbe, RinascitaNazionale, Ventodamare, Uyulala, Cris, Scrooge, Giornalettismo, HeartProcession, WebLogin, LopinionediFabio, I comicomix, LouMogghe, Rigitans, Ciocci, Ilcogito, RossoAntico, Ricchiuti, Antochia67, LuigiRossi, Partigianamente, Raser, Mariob, SonoLaico, Rashosfreebar, PilloledicucinaCastenasoForever , elDievelNeo75, Macca , LineaNeuronica (siamo a 30 firmatari)


POST IN CONTINUO AGGIORNAMENTO


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. kilombo rinnovo redazione

permalink | inviato da RinascitaNazionale il 3/11/2007 alle 11:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (49) | Versione per la stampa

2 novembre 2007

LA RINASCITA DI KILOMBO


 
Sarà che sono un esperto di "rinascita" però amici e amiche di Kilombo c'è solo un modo per voltare definitivamente pagine e cercare di ricostruire, se non proprio da zero, il nostro aggregatore: dimissioni dell'attuale redazione, nuove elezioni della redazione, riformulare alcuni principi fondamentali della carta di kilombo, abbandonare per adesso la formula kilomboSlow ed impegnarsi solo e soltanto per migliorare le relazioni tra gli utenti e trovare un compromesso fra noi tutti. Quello che è successo ieri a Giornalettismo è stato qualcosa di molto grave e spero vivamente che non accadra mai più. Ma il problema è a monte. E' inutile parlare a valle quando noi tutti dovremmo salire in cima alla montagna. Il problema sta lassù. E' nostro dovere salvare e poi migliorare questa grande piattaforma di blogger di sinistra. Notate che ci stiamo comportando come i nostri politicanti: sempre a litigare, e intanto la destra si rafforza. Ma si puo arrivare a questo!? A farci la guerra tra di noi?

(suggerimento: basta insulti, basta impuntarsi su ogni cosa; diamo dimostrazione di saperci fare, di essere persone mature e soprattutto intelligenti)


24 ottobre 2007

IL FUTURO DI KILOMBO - PROPOSTE



E' un anno e mezzo che faccio parte a pieno titolo di Kilombo: un aggregatore composto da persone capaci, intelligenti, che rappresentano una delle parti migliori della nostra società. Perchè sprecare l'opportunità di dare una valenza strettamente politica (anche territoriale) a questo aggregatore di sinistra?(che dovrà avere come punto centrale sempre ed esclusivamente la Carta votata a maggioranza dai cittadini di Kilombo, senza fossilizzarci troppo sulle differenze partitiche). Non possiamo considerarci noi stessi il futuro della politica italiana? In fin dei conti, se Mastella è diventato Ministro della Giustizia perchè uno di noi non potrebbe diventare premier? 

Kilombo nasce in concomitanza con importanti appuntamenti elettorali come le primarie per l'Unione e le politiche, per far dialogare e scontrare quelli che vengono chiamati riformisti e radicali, cercando di creare un terreno comune di appartenenza.
Kilombo era e deve rimanere un progetto politico (o, anche se non formalmente, una associazione politico-culturale) che raduna tutti coloro che si riconoscono in alcuni valori (quelli della Carta) a prescindere dalla adesione ad un partito del centro-sinistra o alla stessa coalizione dell'Unione. Crediamo che questo sia un punto fondamentale da fissare, anche alla luce delle probabili future evoluzioni politiche. Il tutto per evitare di ricadere nel vecchio detto di Pietro Nenni secondo cui "a fare a gara fra puristi [di sinistra, ndr], si troverà sempre qualcuno più puro, che alla fine ti epura".
In questi giorni il progetto politico dell'Unione sembra, invece, alla corda. Il governo ha il fiato corto. A destra e a sinistra della coalizione governativa cresce la voglia di andare da soli. Alcuni non possono sentir parlare di Partito Democratico, altri non ne possono più della sinistra di lotta e di governo. Kilombo rischia di subire questa situazione e di implodere. Sarebbe un peccato, perchè è proprio nel momento in cui la sinistra "reale" si divide che bisogna fare valere le ragioni del dialogo riscoprendo il patrimonio storico e valoriale che ci accumuna.
Questo compito è responsabilità anche nostra, la sinistra "virtuale". E', paradossalmente, nel momento di massima distanza politico-parlamentare che l'esperimento kilombista acquista significato e importanza non secondari. Per prevenire l'implosione di Kilombo è cruciale riscoprire le ragioni del nostro aggregatore e farle diventare progetto politico (sebbene rigorosamente non partitico). Se vogliamo impedire che Kilombo si trasformi (o rimanga) una vetrina in cui prevalgono le ragioni della polemica fine a se stessa tra nemici su quelle del confronto fruttuoso tra compagni, dobbiamo dotarci di tutti gli strumenti, reali e virtuali, necessari. Alcuni sono stati individuati molto tempo fa, ma sono rimasti in cantina. Kilombo slow e l'associazione aspettano solo di venire usati. Nessuno, però, osa metterci mano, cuore e testa.
Perchè? Il loro scopo non deve essere quello di ricreare dal vivo o alla moviola l'atmosfera litigiosa e individualistica di kilombo.org. Le ragioni dell'associazione e di kilomboslow sono ben altre e altrettanto importanti. Sono le ragioni dello stare insieme a sinistra, nonostante parlamento e governo. Non dobbiamo, infatti, governare un paese, ma salvaguardare legami, contatti, spazi comuni. Non vale la pena impegnarsi in prima persona per queste ragioni? Allora perchè non ci diamo una mossa, magari prima che cada il governo e kilombo chiuda perchè Jaco si è dimenticato di pagare il aruba?

Chiunque condivida le ragioni da noi espresse è caldamente invitato a pubblicarlo sul proprio blog e a postarlo su Kilombo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. futuro kilombo proposte

permalink | inviato da RinascitaNazionale il 24/10/2007 alle 11:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (36) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

IL MIO CREDO - I MIEI VALORI
Anpi
Resistenza Italiana
***
***
***
OFFICINA DEMOCRATICA
RinascitaNazionale
LouMogghe
EclissiDiSole
EmaeTizi
GianniGuelfi
CastenasoForever
Andryyy
LopinioneDiFabio
Erlkonig
ParteAttiva
Pistorius
Tilt64
PoliticaOggi
***
***
***
IO E LA POLITICA
Antonio Di Pietro
La Mia Lista Elettorale
Idv Lazio
Il Mio Municipio (XV°Roma)
***
***
LE MIE LETTURE
La Repubblica
Corriere della Sera
L'Unità
L'Espresso
Marco Travaglio
Viva Marco Travaglio
Lav
Corrado Guzzanti
Beppe Grillo
***
***
BLOG CONSIGLIATI
MaiDireVideo
LoScarabocchioComicomix
IlPopoloSovrano
Democonvinto
TerrorPilots
Tisbe
Daw
MarioAdinolfi
IlBlogDiLameduck
IoTocco
DariosBlog
TestamentoDiUnBuffone
LineaGoticaFight
M1979
RizzoCitizen
Psiche&Soma
IlRock
Trashopolis
Politbjuro
InRilievo
AlessioinAsia
LaPennaCheGraffia
IlRusso
Ciclofrenia
ValentinoPiglionica
TimoteoCarpita
BiancaBerardicurti
SonoLaico
QualcosaDiRiformista
Valigetta
GaetanoAmato
ErmannoLombardo
Santilli
StefanoMentana
GBestBlog
Alsom
Fradik
IlCogito
LuigiRossi
RossoAntico
ECarta
BadKlaus
DanieleSorelli
Triton
Zenigada
PennaRossa
NuovaLibertalia
IdeaTeatro
Costantinopolis
TgWeb
MatteoMacchia
PerSbaglio
Collettivo-Carrara
IlMale
Illaicista
WatchDogs
Slasch16
FestadAprile
GDFollonica
PausaCafè
DjSeven
LazzaroBlu
Rojarosevt
FreeVoice
StefanoSoro
nnhocapito
Blues-Vince
WinstonSmith
Notes-Bloc
Zadig
Comunicando
Eye
AndreadiDue
ChiTifaItaliaVotaNO
Image
CampidoglioPulito
LiberolAnima
Sciacc
Minima_Moralia
Candalu
Myrrdin
NicoBlog
ManuBlog
Venere
***
***
***
I MIEI ARTICOLI/POST MIGLIORI
Il primo post
Il candidato municipale (io)
Campioni del mondo
Per una notte capo-ultrà
Taxi? No, grazie
GenerazioneU
Quando ho sbugiardato Fini
Il primo girotondo fascista
Gli auguri a Berlusconi? Mai
La prima finanziaria di Prodi
La sindrome dei comunisti
Lista Civica Roma per Veltroni
OfficinaDemocratica
Worldwide press freedom
L'Eredità di Berlusconi
Manifestazioni poco riuscite
Gli italiani? Superficiali
Il malore di Berlusconi
L'Adunata fascista-forzista
Il ritorno dei pecoroni
L'Italia che sarà, grazie Prodi
Contro i commercianti
Eccoli, i fascisti
Diliberto VS Berlusconi
Sulle dimissioni di Prodi
Il male minore
La fiducia a Prodi
I miei amici fascisti-forzisti
La differenza tra noi e loro
Er pecora
Chi evade le tasse
Contro il fascismo e il neofascismo
Qualcosa cambia
La quiete dopo la tempesta
La guerra ed il lavoro
IL 25 aprile
Il conflitto d'interessi
Sulla vittoria di Sarkozy
Antifascista
Successo per RinascitaNazionale
Coraggio laico
Silvio, il cattolico
Coerenza e Berlusconi
IL 2 giugno in Italia
Bush a Roma
Fate piangere gli evasori
L'uomo nuovo
La violenza squadrista
Berluscagate
Lo scontrino fiscale
La nave ed il timone
Eccoli, gli evasori fiscali
L'arte del chiagni e fotti
Contro i rigurgiti di fascismo
Io, come Giorgio Bocca
Gli stranieri e lo scontrino fiscale
Berlusconi e la libertà
Io non posso entrare
Lettera a Bossi
L'incoerenza di Fini
V-day: io c'ero
Italia, paese dei furbi
Un prodiano convinto
La seconda Finanziaria di Prodi
L'informazione in Italia
Per non dimenticare
Se non li conoscete
Tra pecorones e democratici
Boia chi molla?
IL Vaticano veste Prada
La rinascita di Kilombo
Ciao, Enzo Biagi



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     settembre        novembre